Normativa - Decreto 22 settembre 1997 n.105

DECRETO 22 settembre 1997 n.105
REPUBBLICA DI SAN MARINO


Regolamento di applicazione della legge che disciplina la concessione dei permessi di soggiorno e delle residenze ai cittadini non sammarinesi.


Noi Capitani Reggenti

la Serenissima Repubblica di San Marino

visto l’art.10 della Legge 4 settembre 1997 n.95;


vista la delibera del Congresso di Stato n.1 del 22 settembre 1997;


ValendoCi delle Nostre Facoltà;


Decretiamo, promulghiamo e mandiamo a pubblicare:


Art. 1

I permessi di soggiorno di cittadini non sammarinesi vengono regolamentati in base alle seguenti situazioni: lavoro, studio, cura, assistenza, ragioni familiari, turismo e culto.

Art.2


Per l’ottenimento del permesso di soggiorno turistico o dell’eventuale rinnovo o proroga di cui all’art.2 della Legge n. 95 del 4 settembre 1997 l’interessato deve formulare richiesta scritta all’Ufficio Stranieri della Gendarmeria specificando i motivi e la durata presumibile.

Alla domanda vanno allegate copia del passaporto e due foto tessera.

La domanda relativa al rinnovo o alla proroga del permesso di soggiorno turistico deve specificare i motivi della richiesta e contenere in allegato copia del permesso turistico che si intende rinnovare o prorogare.

L’Ufficio Stranieri della Gendarmeria evade la richiesta con provvedimento motivato.


Art.3


Il permesso di soggiorno stagionale di cui all’art.3 della Legge 4 settembre 1997 n.95 può essere richiesto dall’interessato all’Ufficio Stranieri della Gendarmeria, allorquando la Commissione di Collocamento verificata l’impossibilità a reperire dalle liste di collocamento personale sammarinese e/o residente in possesso delle necessarie qualifiche, concede il permesso di lavoro per motivi di assistenza domiciliare a persone non autosufficienti o ad anziani o per esigenze di lavoro nei settori turistico ed alberghiero.

La Commissione di Collocamento invia copia del nulla osta di lavoro alla Gendarmeria.

Nella domanda devono essere indicati i motivi della richiesta, l’eventuale domicilio e contenere in allegato certificato penale, carichi pendenti e stato di famiglia.

L’Ufficio Stranieri della Gendarmeria evade la richiesta con provvedimento motivato.


Art. 4


Il permesso di soggiorno per motivo di studio è riservato a coloro che frequentano Istituti di istruzione inferiore, media e superiore nonché Università per la durata di almeno un anno scolastico o accademico.

Il soggiorno ha la durata per tutto il periodo dello studio

E’ necessario che il corso di studi sia effettivamente frequentato con un esito di profitto almeno sufficiente.


Art. 5


E’ accordato il permesso di soggiorno a coloro i quali intendono usufruire di assistenza o cure presso l’Ospedale o altri Istituti pubblici o privati sammarinesi.

Il soggiorno ha la durata per tutto il periodo della cura.


Art. 6


Il permesso di soggiorno e la residenza ai Ministri del Culto cattolico sono regolati dall’accordo con la Santa Sede ratificato con Decreto 30 giugno 1992 n.47.

Per i culti diversi da quello cattolico il permesso di soggiorno e la residenza sono concesse dal Congresso di Stato. Le relative domande vanno presentate al Dipartimento Affari Esteri che curerà l’inoltro all’Ufficio Stranieri della Gendarmeria per i provvedimenti di competenza.


Art.7


Le domande di permesso di soggiorno continuativo, di permesso di soggiorno ordinario e di residenza di cui agli artt.3, 4, 5, 7, 8 della Legge 4 settembre 1997 n.95, vengono presentate al Dipartimento Affari Esteri che curerà l’inoltro all’Ufficio Stranieri della Gendarmeria per i provvedimenti di competenza.

Nella domanda relativa al permesso di soggiorno ordinario o speciale continuativo devono essere specificati i motivi della richiesta e l’eventuale elezione di domicilio. Vanno allegati alla domanda i certificati penale, carichi pendenti, stato di famiglia e matrimonio (solo per i coniugi di cittadini sammarinesi o di forensi residenti o soggiornanti).


Art. 8


La concessione dei permessi di soggiorno speciale continuativo e ordinario è prevista per :


i coniugi di cittadini sammarinesi residenti;


i figli maggiorenni di cittadini sammarinesi residenti purchè non coniugati e ancora conviventi con i genitori;


i coniugi di cittadini forensi in possesso di residenza o soggiorno speciale continuativo o ordinario;


le persone conviventi con cittadini sammarinesi residenti o con cittadini forensi residenti a seguito della nascita di figli riconosciuti da entrambi.


Art. 9


Nella domanda di residenza deve essere specificata la data di concessione del permesso di soggiorno ordinario o speciale continuativo e devono essere contenuti in allegato gli stessi certificati previsti per la concessione del permesso di soggiorno ordinario o speciale continuativo.

La domanda di residenza ai sensi dell’ultimo comma dell’art.7 della Legge 4 settembre 1997 n.95 deve specificare i motivi della richiesta.

Le istanze presentate a favore di minori da parte di cittadini sammarinesi residenti o da forensi residenti, a seguito di adozione o affidamento o in presenza di un procedimento di separazione, devono essere corredate dalla dichiarazione del Tribunale che attesta quanto dichiarato nella domanda.


Dato dalla Nostra Residenza, addì.22 settembre 1997/1697 d.F.R..


I CAPITANI REGGENTI

Paride Andreoli - Pier Marino Mularoni


IL SEGRETARIO DI STATO

PER GLI AFFARI INTERNI

Antonio L. Volpinari

--------------------------------------------------------------------------------

Clausola di esclusione della responsabilità
La Segreteria di Stato per gli Affari Interni ha istituito questo server per consentire al pubblico un più ampio accesso all’informazione relativa alle iniziative del Consiglio Grande e Generale.

L’obiettivo perseguito è quello di fornire un’informazione tempestiva e precisa. Qualora dovessero essere segnalati degli errori, l’editore provvederà a correggerli.

La Segreteria di Stato per gli Affari Interni non assume alcuna responsabilità per quanto riguarda il materiale contenuto nel sito. Tale materiale:

è costituito da informazioni di carattere esclusivamente generale che non riguardano fatti specifici relativi ad una persona o un organismo determinati;

non è sempre necessariamente esauriente, completo, preciso o aggiornato;

è talvolta collegato con siti esterni sui quali i servizi della Segreteria di Stato per gli Affari Interni non ha alcun controllo e per i quali non assumono alcuna responsabilità;

non costituisce un parere di tipo professionale o giuridico (per una consulenza specifica, è necessario rivolgersi sempre ad un professionista debitamente qualificato).

Va ricordato che non si può garantire che un documento disponibile online riproduca esattamente un testo adottato ufficialmente. Pertanto solo la legislazione, pubblicata dalla Segreteria di Stato per gli Affari Interni nelle edizioni su carta del Bollettino Ufficiale è considerata autentica.

L’Istituzione non assume alcuna responsabilità in merito agli eventuali problemi che possono insorgere per effetto dell’utilizzazione del sito o di eventuali siti esterni ad esso collegati.

La presente clausola di esclusione della responsabilità non ha lo scopo di eludere il rispetto di requisiti prescritti dalle legislazioni nazionali vigenti, nè di escludere la responsabilità nei casi per i quali essa non puo’ essere esclusa ai sensi delle legislazioni nazionali.

© Segreteria di Stato per gli Affari Interni 2000 Tutti i diritti riservati.


 


 
 
 

Republic of San Marino

Palazzo Begni, Contrada Omerelli n. 31 - 47890 San Marino
segreteria.affariesteri@gov.sm - www.esteri.sm
T +378 (0549) 882 302
F +378 (0549) 882 814