San Marino e le misure restrittive del Consiglio di Sicurezza ONU

Al fine di contrastare il terrorismo e il suo finanziamento, nella consapevolezza che il fenomeno terroristico in tutte le sue forme e manifestazioni costituisce una delle minacce più gravi alla pace e alla sicurezza globali, la Repubblica di San Marino da anni si è attivata per recepire nel proprio ordinamento le misure restrittive adottate con Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite nei confronti di individui, gruppi e imprese associati ad organizzazioni e di Paesi che alimentano e supportano il terrorismo e il suo finanziamento, nonché gli aggiornamenti alle liste di persone fisiche e giuridiche oggetto delle suddette misure restrittive, redatte e costantemente aggiornate dai vari Comitati istituiti dal Consiglio di Sicurezza.

Tali misure comprendono:
• il congelamento dei fondi e delle risorse economiche detenute o controllate, direttamente o indirettamente, da persone, enti o gruppi inclusi nelle liste predisposte dagli appositi Comitati delle Nazioni Unite;
• le restrizioni di natura commerciale, incluse quelle commerciali all’importazione o all’esportazione e gli embarghi sulle armi;
• le restrizioni di natura finanziaria, inclusa l’assistenza finanziaria e il divieto alla prestazione di servizi finanziari;
• le restrizioni di altra natura, incluse le restrizioni all’assistenza tecnica, il divieto di viaggio, il divieto di ingresso o di transito, le sanzioni diplomatiche e la sospensione della cooperazione.

 

Per visionare le delibere e le modifiche alle liste, cliccare qui.

 

E’ inoltre disponibile la Lista Consolidata, costantemente aggiornata dal Consiglio di Sicurezza, che raggruppa tutti gli elenchi di persone fisiche e giuridiche oggetto delle misure restrittive.


 


 
 
 

Repubblica di San Marino

Palazzo Begni, Contrada Omerelli n. 31 - 47890 San Marino
segreteria.affariesteri@gov.sm - www.esteri.sm
T +378 (0549) 882 302
F +378 (0549) 882 814