Segreteria di Stato per gli Affari Esteri - Repubblica di San Marinohttp://www.esteri.sm/on-line/rss.jsp?instance=2&channel=1000002&idArticleLevel=1000010&size=10&idXsl=3&node=1000042Notizie e comunicati della Segreteria di Stato per gli Affari EsteriInformazioni per cittadini USA residenti a RSMhttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1007877.html Con riferimento alla decisione del Consiglio Direttivo della Fratellanza San Marino - America di promuovere un’Istanza d’Arengo per la stipula di un Accordo contro le doppie imposizioni fra la Repubblica di San Marino e gli Stati Uniti d’America, nonché in risposta alle numerose questioni riguardanti l’Accordo intergovernativo FATCA e la posizione fiscale di quanti in possesso della doppia cittadinanza (sammarinese e americana), le Segreterie di Stato per gli Affari Esteri e per le Finanze desiderano puntualizzare quanto segue. Il Governo di San Marino ha scelto di concludere un Accordo FATCA San Marino - U.S.A. (Modello intergovernativo del tipo II) allo scopo di meglio definire le modalità di trasmissione delle informazioni dalle istituzioni finanziarie sammarinesi verso le autorità americane, così come da impegni presi dalle banche fin dal luglio 2014 tramite l’accreditamento presso l’IRS (Internal Revenue Service). I soggetti interessati al FATCA sono tutti i cittadini americani titolari di conto bancario, inclusi i minorenni; sono invece esclusi coloro che percepiscono una pensione dagli Stati Uniti ma non sono cittadini di quel Paese. Si specifica che l'Accordo intergovernativo FATCA non è uno strumento fiscale ed è totalmente distinto da un Accordo sulla Doppia Imposizione Fiscale (DTA) o sulla Sicurezza Sociale. Lo scopo principale degli accordi contro le doppie imposizioni fiscali è di alleviare, almeno in parte, un doppio carico fiscale. Le categorie di contribuenti interessate da tali accordi, o meglio le tipologie di reddito, vengono concordate tra le parti nella fase di negoziato. Fin dall’inizio dei negoziati per l’Accordo FATCA, da parte sammarinese è stata formulata alle autorità americane la necessità di concludere un accordo contro le doppie imposizioni fiscali e sulla Sicurezza Sociale, soprattutto in considerazione della rilevanza che tale problematica può avere per la Repubblica di San Marino (oltre il 10% della cittadinanza potrebbe infatti essere coinvolta). Tale richiesta è ancora al vaglio delle autorità statunitensi; si è in attesa di un incontro ufficiale nel corso del quale la volontà sammarinese di stipulare un DTA e la possibilità di un’intesa sulla Sicurezza Sociale possano trovare concreto riscontro. È doveroso precisare in tale contesto che per i cittadini americani l’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi sussiste indipendentemente dall’Accordo FATCA. La regolarizzazione della posizione fiscale dei doppi cittadini residenti a San Marino prevede due fasi. Innanzitutto è necessario sanare il pregresso, vale a dire dichiarare i redditi percepiti negli anni passati se ciò non è stato fatto. A tal fine, sulla base delle Streamlined Filing Procedures in vigore da luglio 2014 ed estese anche al caso sammarinese, è possibile fare riferimento al reddito percepito solo negli ultimi tre anni. Successivamente a questa prima fase, rimane l’obbligo della dichiarazione annuale a cominciare dal periodo di imposta 2014. Ai fini della regolarizzazione della propria situazione fiscale, i cittadini americani dovranno ottenere dalle proprie banche le informazioni necessarie alla dichiarazione dei redditi. Per agevolare l’acquisizione di tali informazioni, la Segreteria di Stato per gli Affari Esteri e la Segreteria di Stato per le Finanze hanno evidenziato all'Associazione Bancaria Sammarinese (ABS) la necessità che le banche adottino procedure comuni. Per informazioni riguardanti gli elementi necessari ai fini della compilazione della dichiarazione, come il Social Security Number, o relative ai termini entro cui effettuarla, si rimanda alle indicazioni contenute nei documenti “White Paper” e “Tax Assistance Information for Tax Year 2014”, forniti dalle competenti autorità americane e reperibili sul sito www.esteri.sm (sezione INFORMAZIONI PER CITTADINI USA RESIDENTI A RSM) . San Marino, 30 marzo 2015/1714 d.F.R. 2015-03-31itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriInformazioni per cittadini USA residenti a RSMhttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1007873.html - Comunicato Stampa - White Paper FATCA - Tax Assistance Information for Tax Year 2014   2015-03-31itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriMostra fotografica “Lo Jugendstil di Riga”http://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1007876.html Sarà inaugurata domani, alle ore 18.30, presso la sala Alberoni (Palazzo Valloni) la mostra fotografica “Lo Jugendstil di Riga”. L’esposizione giunge a San Marino dalla capitale lettone, dove ha celebrato l’apertura del semestre di presidenza europeo detenuto dal Paese baltico. Riga è una città fortemente segnata dall’Art nouveau; quasi il 40% degli edifici costruiti nel primo decennio del 1900 presenta uno stile architettonico che si riconosce in diverse tendenze dello stile liberty e che si esprime non solo nella realizzazione strutturale dell’edificio, ma anche nella particolarità delle decorazioni che ornano le facciate dei palazzi. Proprio per questa ragione Riga viene considerata la capitale del movimento artistico dell’Art nouveau, divenuto molto popolare a cavallo del XX secolo fino alla Prima guerra mondiale. In questo momento storico la città vive una rapida espansione industriale e commerciale; la popolazione aumenta di pari passo con lo sviluppo del settore edile. Gli edifici dei primi anni del secolo scorso si concentrano in un quartiere della città moderna di Riga che, insieme al centro storico, è stato riconosciuto dall’UNESCO Patrimonio di tutta l’Umanità.Per l’esposizione a San Marino sono stati scelti 9 fra gli edifici in stile floreale considerati i più emblematici di questa espressione architettonica, che si trovano a Riga e nelle due città portuali di Liepāja e Ventspils. Si tratta di composizioni ornamentali molto ricche e originali, con elementi riconducibili alla flora e alla fauna ma anche a soggetti classici e mitologici; finiture a stucco di varie fatture e colori dove domina la combinazione di azzurro e bianco.La mostra è stata organizzata dall’Ambasciata della Repubblica di Lettonia presso la Repubblica di San Marino con il supporto del Dipartimento Affari Esteri; rimarrà aperta al pubblico fino al 7 aprile (seguirà gli orari di apertura degli uffici pubblici). San Marino, 30 marzo 2015/1714 d.F.R.  2015-03-31itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari Esteri5 nuovi Ambasciatori accreditati in Repubblicahttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1007845.html Questa mattina, a Palazzo Pubblico, si è svolta la tradizionale Cerimonia di Presentazione agli Eccellentissimi Capitani Reggenti, Gian Franco Terenzi e Guerrino Zanotti, di cinque nuovi Ambasciatori accreditati presso la Repubblica di San Marino.Introdotti dal Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Pasquale Valentini, hanno presentato le loro Lettere Credenziali iniziando formalmente il loro incarico diplomatico: S.E. Yevhen Perelygin, Ambasciatore d’Ucraina; S.E. Patrick John Rata, Ambasciatore di Nuova Zelanda; S.E. Alba Beatriz Soto Pimentel, Ambasciatore della Repubblica di Cuba; S.E. Carlos Ávila Molina, (primo) Ambasciatore della Repubblica di Honduras; S.E. Tasos Tzionis, Ambasciatore della Repubblica di Cipro.Nel pomeriggio di ieri, il Segretario di Stato Valentini ha avuto modo di intrattenersi a colloquio con tutti i nuovi accreditati e di discutere con ognuno di loro sulle principali tematiche dei rispettivi rapporti bilaterali e sui temi più rilevanti della politica internazionale in ordine alle possibilità di cooperazione nel contesto degli Organismi multilaterali. San Marino, 24 marzo 2015/1714 d.F.R.  2015-03-31itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriAdottato il Rapporto UPR su San Marinohttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1007800.html Il Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite ha adottato ieri, durante la sua 28° sessione attualmente in corso a Ginevra, il rapporto sul II ciclo della Revisione Periodica Universale (UPR - Universal Periodic Review) della Repubblica di San Marino. L’adozione fa seguito all’esame dello scorso 29 ottobre davanti al Gruppo di Lavoro sull’UPR del Consiglio dei Diritti Umani, ed è stato redatto sulla base delle risposte fornite dal Governo sammarinese alle raccomandazioni presentate dagli Stati Membri e Osservatori del Consiglio.Accogliendo 55 delle 74 raccomandazioni che le delegazioni avevano avanzato nel corso dell’esame - quando il Segretario di Stato agli Affari Esteri, Pasquale Valentini, aveva illustrato il II rapporto nazionale sammarinese e risposto alle domande degli Stati - il Governo si è impegnato a ratificare importanti strumenti internazionali in materia di diritti umani e a introdurre nell’ordinamento interno le modifiche utili a un sempre maggiore adeguamento della Repubblica ai più alti standard di protezione e promozione dei diritti umani.A breve, la Segreteria di Stato agli Affari Esteri pubblicherà sul proprio sito internet la documentazione relativa alla Revisione Periodica Universale di San Marino. San Marino, 19 marzo 2015/1714 d.F.R.  2015-03-31itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriMessaggio alla Tunisia per l'attacco terroristicohttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1007802.html Il Segretario di Stato agli Affari Esteri, Pasquale Valentini, ha indirizzato un messaggio di solidarietà al Ministro degli Esteri della Repubblica tunisina, Taieb Baccouche, per il sanguinoso attacco al museo del Bardo di Tunisi.“Signor Ministro, desidero esprimerLe, a nome del Governo, del Popolo Sammarinese e mio personale, la sincera vicinanza per l’atto vile e deplorevole che ha colpito il Suo Paese, intaccandone i simboli e i luoghi chiave della democrazia. Una brutta pagina della storia contemporanea va ad aggiungersi alla scia di violenze che negli ultimi tempi hanno messo a dura prova numerosi paesi. La barbarie del terrorismo ancora una volta colpisce vite innocenti e attenta alla libertà stessa dei popoli. Le speranze di rinascita della Tunisia degli ultimi anni sono state offuscate in nome del puro fanatismo, che ha minacciato la sua giovane democrazia. Da parte sammarinese si leva forte e decisa la condanna verso azioni eclatanti volte a seminare sangue e dolore e a creare un senso di incertezza nel domani. Sempre più chiaramente emerge la consapevolezza delle pericolose ripercussioni che tali atti possono avere nei nostri Paesi. Queste tristi vicende, se da una parte possono contribuire al diffondersi di un senso di impotenza, dall’altra devono essere di sprono, affinché l’intera Comunità internazionale intervenga al più presto a sostegno della Tunisia e di tutti gli Stati che della lotta contro il terrorismo hanno fatto la loro priorità”. San Marino, 19 marzo 2015/1714 d.F.R.  2015-03-31itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriAvvio ufficiale dei negoziati con l'Unione Europeahttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1007797.html Un momento storico per il Paese e l'occasione di nuove opportunità. Nel percorso di integrazione il sostegno dell'Europa e dell'Italia sarà fondamentale 2015-03-31itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriVisita di Stato della Reggenza e del Segretario Valentini in Vaticanohttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1007795.html Oggi, 16 marzo, i Capitani Reggenti sono stati ricevuti in visita di Stato da Sua Santità. Con i Capitani Reggenti, accompagnati dalle consorti e dai familiari più stretti, una delegazione ufficiale composta dal Segretario di Stato agli Affari Esteri e dall'Ambasciatore presso la Santa Sede. Accolti e seguiti con il cerimoniale in forma solenne che si riserva ai Capi di Stato in visita ufficiale, i Reggenti sono stati intrattenuti dal Papa nel suo studio pontificio, dove hanno avuto un colloquio. Il Santo Padre, porgendo il suo benvenuto ai Capi di Stato, ha riferito la propria ammirazione per la storia della Repubblica. Un lungo e cordiale colloquio, che si è arricchito della grande disponibilità del Pontefice e del suo interesse per la storia, la cultura e la realtà sociale del nostro Paese, durante il quale il Santo Padre si è mostrato particolarmente incuriosito dalla vita istituzionale sammarinese, sottolineandone la vitalità e l’attualità nel rispetto delle tradizioni storiche della Repubblica. Papa Francesco ha sottolineato quale fattore positivo la vicinanza fra la Suprema Magistratura e la cittadinanza, che a San Marino trova la sua massima espressione nell'istituto dell'Arengo e nei colloqui privati settimanali che la Reggenza riserva alla popolazione; un compito – ha detto il Papa – che deve rientrare nei doveri delle Istituzioni e nel loro servizio alla gente, e per il quale San Marino rappresenta un valido esempio. La Reggenza ha innanzitutto presentato al Papa il saluto della popolazione sammarinese, ricordando i valori di fondo, in primis la dignità e la libertà di credenza, che hanno caratterizzato il sorgere della Repubblica ed ai quali si richiama costantemente l’azione del nostro Stato nell'ambito interno e nelle sedi internazionali. Una società, quella sammarinese, che guarda avanti sulla strada dell'avanzamento civile, che si impegna per il rispetto e lo sviluppo delle regole democratiche senza disconoscere le proprie tradizioni e la sua millenaria tradizione di libertà.La Reggenza, quindi, facendosi interprete dei desideri della popolazione sammarinese e dei sentimenti di devozione che la animano, ha rivolto al Santo Padre l’invito formale a voler visitare presto San Marino.In chiusura dell'Udienza, la Reggenza ha omaggiato il Santo Padre di un calice d'argento e di una speciale raccolta di francobolli e monete; Papa Francesco ha ricambiato con due medaglie bronzee raffiguranti l'angelo della pace e San Martino che dona il suo mantello al povero. Al termine i Capitani Reggenti sono stati ricevuti dal Segretario di Stato Card. Pietro Parolin e dal Segretario per i Rapporti con gli Stati SE Richard Gallagher, con i quali, unitamente al Segretario di Stato Valentini e all'Ambasciatore Galassi, hanno considerato gli ottimi rapporti intercorrenti fra lo Stato Sammarinese e la Chiesa e trattato della situazione internazionale in relazione ai fatti di cronaca più recenti. Parolin ha espresso la preoccupazione della Santa Sede per l'attacco alla dimensione integrale dell'uomo. Non si tratta, ha sottolineato il Cardinale, di difendere l'una o l'altra religione, quanto piuttosto di valorizzare l'uomo in sé, in ogni suo aspetto. Proprio l'esperienza sammarinese e l'impegno sul fronte dei diritti umani nelle maggiori Organizzazioni internazionali possono essere, per Parolin, un sostegno e un punto di riferimento importante. Si tratta di una conferma ulteriore della vitalità delle relazioni che intercorrono con la Santa Sede, particolarmente attive, soprattutto in ambito multilaterale, dove i due Stati si trovano spesso attivamente insieme per la difesa dei diritti dell’uomo e delle sue libertà. La visita di Stato odierna in Vaticano assume per la Repubblica di San Marino un alto significato nel contesto delle sue relazioni bilaterali, confermando e consolidando un rapporto di amicizia e stima che si arricchisce del confronto, delle iniziative comuni e di opportunità condivise. San Marino, 16 marzo 2015/1714 d.F.R.  2015-03-31itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriProgramma della visita di Stato in Vaticanohttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1007801.html Lunedì mattina, alle ore 10, gli Ecc.mi Capitani Reggenti, Gian Franco Terenzi e Guerrino Zanotti, saranno ricevuti in Udienza dal Santo Padre Francesco. Come da programma, la Reggenza e il Pontefice si intratterranno a colloquio nella Biblioteca privata. Di seguito, secondo la prassi protocollare, avrà luogo l’incontro della Reggenza con il Segretario di Stato di Sua Santità, l’Arcivescovo Pietro Parolin, e il Segretario per i Rapporti con gli Stati, l’Arcivescovo Paul Richard Gallagher, cui prenderanno parte anche il Segretario di Stato Pasquale Valentini e Clelio Galassi, Ambasciatore presso la Santa Sede.La visita di Stato si svolgerà a pochi giorni dall’anniversario d’elezione di Papa Francesco, avvenuta esattamente due anni fa, il 13 marzo 2013, quando il conclave, al V scrutinio, chiamò al soglio pontificio il cardinale argentino Jorge Mario Bergoglio quale 266° Pontefice nella storia della Chiesa. Una coincidenza che consentirà alla Repubblica di testimoniare l’alto significato di un pontificato così fortemente caratterizzato dalla particolare vicinanza agli umili e da un messaggio di pace assolutamente universale. Valori, questi, che caratterizzano la presenza di San Marino negli ambiti internazionali. San Marino, 13 marzo 2015/1714 d.F.R.   2015-03-31itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriBorse di studio negli USA per giovani sammarinesihttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1007723.html La Segreteria di Stato agli Affari Esteri porta a conoscenza che la Comunità Sammarinese di Detroit (USA) mette a disposizione n. 2 borse di studio per la frequenza di un corso di lingua inglese presso il Michigan Language Center di Ann Arbor nel periodo 26 luglio-14 agosto 2015.La borsa di studio comprende l’iscrizione al corso e l’alloggio a Detroit, mentre le spese di viaggio, vitto e assicurazione sono a carico dei partecipanti.Per concorrere all’assegnazione delle due borse di studio costituiscono requisiti indispensabili:• essere cittadino/a sammarinese o figlio/a di madre sammarinese;• la residenza anagrafica a San Marino;• una discreta conoscenza della lingua inglese;• un’età compresa fra i 18 e i 25 anni;• l’iscrizione alla scuola media superiore o a un corso universitario o parauniversitario.Le domande di partecipazione, redatte in carta libera, dovranno pervenire al Dipartimento Affari Esteri - Ufficio Rapporti con le Comunità all’Estero - Contrada Omerelli n. 17 – San Marino, entro e non oltre le ore 13 di giovedì 7 maggio p.v. corredate dalla seguente documentazione:• certificato di cittadinanza o di nascita con paternità e maternità;• certificato di residenza;• certificato di iscrizione alla scuola media superiore o a corso parauniversitario o universitario.La selezione dei 2 vincitori avverrà in seguito a una prova scritta e orale (colloquio) per l’accertamento del livello di conoscenza della lingua inglese dinanzi a un commissione composta da funzionari del Dipartimento Affari Esteri il giorno giovedì 21 maggio p.v. alle ore 9 presso il medesimo Dipartimento. Al termine verrà stilata una graduatoria di merito; il giudizio della commissione è insindacabile.Non si esclude la partecipazione di vincitori di precedenti edizioni; tuttavia sarà data la preferenza, a parità di merito, a nuovi candidati.I candidati dovranno altresì dichiarare di accettare integralmente le suddette clausole. San Marino, 9 marzo 2015/1714 d.F.R.  2015-03-31itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari Esteri