Segreteria di Stato per gli Affari Esteri - Repubblica di San Marinohttp://www.esteri.sm/on-line/rss.jsp?instance=2&channel=1000002&idArticleLevel=1000010&size=10&idXsl=3&node=1000042Notizie e comunicati della Segreteria di Stato per gli Affari EsteriIn visita la Comunità di Pace di San José de Apartadò, in Colombiahttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010768.html Sono oggi ospiti in Repubblica German Graciano Posso, Rappresentante legale della Comunità di Pace di San José de Apartadò, in Colombia, e uno dei fondatori della Comunità stessa, Julio Cesar Guisao Hernandez, accompagnati da Monica Puto, missionaria laica, da 7 anni volontaria della Comunità Papa Giovanni XXIII in Colombia. L’appuntamento odierno si inscrive nella positiva collaborazione già da tempo in atto tra la Repubblica di San Marino e la Papa Giovanni XXIII che ha visto, soprattutto in questi ultimi anni, l’intensificarsi della cooperazione attraverso il sostegno a progetti di solidarietà internazionale condotti dalla stessa Comunità. In particolare, l’incontro ha messo in luce le positive ricadute della sensibilità delle Istituzioni sammarinesi, evidenziando quanto il gesto umanitario, ripetuto e convinto, sia di grande aiuto per una popolazione, quella colombiana, che oggi vede un inasprimento delle tensioni sociali, un perdurare dell’azione di gruppi armati illegali e il mantenimento di sacche di povertà morale e materiale. Così il Segretario di Stato agli Affari Esteri, Pasquale Valentini, nell’accogliere gli Ospiti a Palazzo Pubblico: “Ci congratuliamo per l’azione ammirevole ed efficace che la Comunità sta conducendo in un Paese che vive condizioni politiche e sociali difficili; siamo ancor lieti di accogliere oggi i più alti rappresentanti della Comunità di Pace colombiana che, tra le tante tappe a livello europeo, hanno scelto anche la nostra Repubblica per portare la propria testimonianza e per esprimere gratitudine e apprezzamento per la vicinanza di San Marino”. A coronamento dell’incontro, gli Ospiti sono stati ricevuti dagli Ecc.mi Capitani Reggenti in Udienza Privata.  San Marino, 25 novembre 2016/1716 d.f.R. 2016-12-02itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriInaugurata a Roma la mostra "100 Presepi"http://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010769.html Anche quest’anno San Marino partecipa all’Esposizione Internazionale “100 Presepi”, con un‘opera dell’artista Mimma Zavoli che richiama la tradizione napoletana del ‘700. La Mostra è stata inaugurata in mattinata a Roma, presso le Sale del Bramante di Piazza del Popolo. Alla sua apertura ufficiale hanno partecipato Autorità ecclesiastiche e istituzionali, nonché numerosi Diplomatici accreditati presso il Quirinale, fra cui anche un rappresentante sammarinese. Con 150 presepi provenienti da 13 regioni italiane e da 40 Paesi esteri, l’esposizione è una vetrina dell’artigianato mondiale e testimonianza della cultura dei territori di provenienza. I presepi sono realizzati con materiali estremamente diversi che richiedono lavorazioni e approcci differenti: terracotta dipinta a mano, terracotta maiolicata, legno di tiglio intagliato, argilla cotta, ceramica raku, gesso, cartone e sughero, argilla nera, mogano africano, cristallo Baccarat, pasta naturale colorata, ceramica invetriata, mattoni, crini di cavallo, fili di rame. Della collezione fanno parte anche presepi esotici realizzati con la "Macaranga grandifolia" - conosciuta nelle Filippine come l'albero del corallo per i suoi frutti rossi - con la fibra di abaca - detta anche canapa di Manila - oppure in "tagua", l’avorio vegetale ricavato dai semi di palme tropicali del pacifico. L’opera dell’artista sammarinese Mimma Zavoli rappresenta un antico borgo che può essere osservato a 360 gradi. Il presepe, per la cui realizzazione sono stati necessari sette mesi di lavoro, è stato realizzato a mano con dovizia di particolari: tutti i personaggi, gli oggetti e l’ambientazione sono stati creati utilizzando la porcellana fredda, il fimo, materiali di recupero, naturali e da costruzione. La Rivista delle Nazioni, che da 41 anni si occupa dell’organizzazione della Mostra, per l’edizione in corso ha promosso una raccolta fondi a favore delle popolazioni colpite dal terremoto. Durante l’inaugurazione i bambini della Scuola dell’Infanzia “Giuseppe Mazzini” di Roma hanno inscenato un presepe vivente dal tema “Ad Amatrice, il Campanile scocca la Mezzanotte Santa”. La Mostra si svolge sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica e gode dei patrocini della Conferenza Episcopale Italiana, del Pontificium Consilium de Cultura, del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Lazio e di Roma Capitale. L’Esposizione rimarrà aperta fino all’8 gennaio 2017 con orario continuato dalle ore 10 alle 20, domenica e festivi compresi. San Marino, 24 novembre 2016/1716 d.f.R. 2016-12-02itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriSan Marino aderisce alla Giornata Internazionale contro la violenza alle Donnehttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010770.html Si celebrerà domani, in tutto il mondo, la Giornata contro la violenza alle donne. San Marino aderisce all’iniziativa a pieno titolo; un anno fa, proprio in questa giornata, era stato diffuso il testo normativo di adeguamento alla “Convenzione di Istanbul”, curato da questa Segreteria di Stato, in concomitanza con la ratifica della Convenzione stessa. Il Paese dispone oggi di tutte le condizioni per operare al meglio: ha gli strumenti giuridici idonei per progredire sulla strada della prevenzione e appositi Organismi Istituzionali operativi. In questa Giornata Internazionale di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, occorre pertanto interrogarsi sull’impegno ad oggi profuso, ma anche su quanto si potrà fare in futuro, sulle condizioni di operatività e sui fondi da destinare alla Commissione e all’Authority per le Pari Opportunità, affinché il loro prezioso lavoro possa essere ulteriormente implementato e migliorato. San Marino fa proprio l’appello del Segretario Generale dell’ONU diffuso per l’occasione, che denuncia ogni forma di violenza e discriminazione nei confronti delle Donne: la speranza è che la consapevolezza di tale deplorevole fenomeno, che sembra stia crescendo a livello globale, si possa trasformare in una risposta significativa e in un’efficace attività di prevenzione. L’impegno politico è forte e San Marino sostiene in maniera incondizionata ogni azione promossa nelle sedi multilaterali volta a ridare dignità alla Donna e al suo ruolo attivo nella società. Quale segno tangibile di questo impegno, San Marino contribuisce da diversi anni ai progetti di intervento di UN WOMEN, il Fondo delle Nazioni Unite per l’Uguaglianza di Genere. San Marino, 24 novembre 2016/1716 d.f.R. 2016-12-02itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriTirocini per giovani sammarinesi presso le Missioni all'esterohttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010742.html La Segreteria di Stato agli Affari Esteri informa che da metà gennaio a metà aprile 2017 verranno attivati stage non retribuiti rivolti a giovani sammarinesi presso alcune Missioni Permanenti di San Marino all’estero. I tirocini, della durata di 3 mesi, hanno l’obiettivo di offrire una conoscenza diretta delle attività svolte dalle Missioni sammarinesi nelle sedi internazionali e delle attività delle Organizzazioni Internazionali stesse. Nello specifico, nel periodo indicato sono disponibili le seguenti posizioni: 2 posti presso la sede di Vienna (Ambasciata e Missione Permanente presso le Organizzazioni Internazionali a Vienna – ONU, OSCE, CTBTO e AIEA); 1 posto presso la sede di Bruxelles (Missione presso l’Unione Europea); 1 posto presso la sede di Ginevra (Missione Permanente presso le Nazioni Unite e le altre Organizzazioni Internazionali in Svizzera); 1 posto presso la sede di Roma (Ambasciata e Missione Permanente presso la FAO). I requisiti richiesti sono i seguenti: - cittadinanza sammarinese; - ottima conoscenza della lingua inglese (livello minimo B2) e, per le sedi di Ginevra e Bruxelles, buona conoscenza della lingua francese (livello minimo B1); - laurea o iscrizione a un corso universitario (a partire dal III anno), preferibilmente in classi che consentono l’accesso alla carriera diplomatica (discipline giuridiche, economiche, sociali, umanistiche, scienze diplomatiche); - buona conoscenza delle Organizzazioni Internazionali e delle Istituzioni Europee; - ottima conoscenza dei principali strumenti informatici. Gli interessati potranno inviare la propria candidatura via email all’indirizzo dipartimentoaffariesteri@pa.sm entro il 12 dicembre 2016. Alla domanda dovranno essere allegati il curriculum vitae et studiorum, eventuali certificazioni linguistiche, una lettera motivazionale e l’indicazione della sede o delle sedi, in ordine di preferenza, per le quali si presenta la candidatura. La valutazione delle candidature avverrà tramite l’esame delle domande e, se necessario, di un colloquio, che potrà avvenire anche a distanza. Per ulteriori informazioni rivolgersi al Dipartimento Affari Esteri (tel. 0549 88 21 56). San Marino, 24 novembre 2016/1716 d.f.R. 2016-12-02itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriII Giornata Europea contro la violenza sui bambinihttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010707.html Domani, 18 novembre, San Marino celebrerà la Giornata Europea contro l’abuso sessuale e lo sfruttamento nei confronti dei bambini. “Parla con qualcuno di cui ti fidi”: è il titolo del video a misura di bambino promosso dal Consiglio d’Europa che sarà divulgato per l’occasione dall’Emittente Radiotelevisiva Sammarinese. La versione in lingua italiana è stata prodotta e realizzata da Dreamroom Studio per iniziativa della Segreteria di Stato agli Affari Esteri. Accolto con favore dall’Organismo di Strasburgo, il video sarà utilizzato per diffondere gli scopi della Convenzione di Lanzarote nei Paesi membri. “Parla con qualcuno di cui ti fidi” è un breve racconto che, con parole semplici e immagini chiare, spiega ai bambini cos’è un abuso sessuale; li sprona a denunciare le violenze subite, li incoraggia a esprimere i loro disagi e a confidarsi con persone di fiducia senza che la paura prenda il sopravvento. L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che nel 2016 solo in Europa siano 18 milioni i bambini vittime di violenze sessuali. Già alcuni anni fa il Consiglio d’Europa ha promosso l’adozione del primo strumento giuridico per lottare a livello internazionale contro questo abominevole crimine, la Convenzione di Lanzarote, entrata in vigore nel 2010 proprio con la ratifica di San Marino. Ad oggi la Convenzione è stata firmata da tutti i Paesi aderenti e ratificata da 41 di essi; la sua implementazione è seguita dal Comitato di Lanzarote, del cui Bureau direttivo fa parte anche San Marino. San Marino segue con attenzione e partecipazione gli sviluppi del Trattato, che pone al vertice la sicurezza e la serenità dei più piccoli, e forte di una incisiva volontà politica in questa direzione, lavora in stretta sinergia con gli altri Stati affinché esso diventi realmente una priorità globale indifferibile. San Marino, 17 novembre 2016/1716 d.F.R. 2016-12-02itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriL'impegno del Governo per i cittadini americani sammarinesihttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010724.htmlDICHIARAZIONE DEI SEGRETARI DI STATO CAPICCHIONI, MUSSONI E VALENTINI Il tema FATCA relativo ai sammarinesi con cittadinanza statunitense è riecheggiato durante la campagna elettorale, ma siccome non è stato posto correttamente, riteniamo necessaria la seguente precisazione allo scopo di evidenziare il lavoro svolto e le prospettive aperte.Gli obblighi per i cittadini americani, ovunque residenti, di presentare la dichiarazione dei redditi all’IRS (autorità tributaria statunitense) derivano dalla legge Internal Revenue Code del 1957 e successivi aggiornamenti.La normativa FATCA è una legge federale con vari regolamenti applicativi con la quale il governo americano, al fine di combattere l’evasione fiscale, ha richiesto alle banche dei vari Paesi di segnalare la presenza di conti bancari intestati a cittadini statunitensi, pena l’applicazione di ritenute alla fonte fino al 30% sui pagamenti di fonte USA. Le banche sammarinesi hanno inevitabilmente aderito a questa richiesta e dal 1° luglio 2014 si sono impegnate a raccogliere questo tipo di dati e a curarne la trasmissione all’IRS. Quindi l’accordo applicativo del FATCA in sé non richiede adempimenti ai cittadini ma soltanto alle istituzioni finanziarie che, in virtù della loro registrazione presso l’IRS, hanno assunto l’obbligo di inviare i dati sui conti correnti detenuti da cittadini americani aventi determinate caratteristiche. La decisione, poi, del governo sammarinese di aderire all’accordo bilaterale per la gestione del FATCA nasce dalla finalità di produrre un notevole alleggerimento degli adempimenti, che sarebbero stati molto più pesanti in assenza di un accordo fra i due governi.Da dove derivano allora le problematiche dei sammarinesi? Dalla necessità di essere in regola rispetto alla legge del 1957.Il governo ha tenuto presente fin dall’inizio questa problematica, e, una volta aperto e consolidato il dialogo diplomatico e tecnico con gli interlocutori statunitensi, è apparsa evidente la possibilità di utilizzare una sanatoria prevista dalla legge, sulla base del presupposto - accettato dagli USA – del “potevano non sapere”. Ciò ha reso possibile un esame delle varie posizioni da parte dell’IRS a ritroso fino SOLO A 3 ANNI e senza applicare sanzioni. Certamente bisogna rientrare nella tipologia “potevano non sapere” e non avere una continuità di rapporti successiva con gli Stati Uniti. Fin dai primi colloqui avuti con le autorità (Console e Ambasciatore) per negoziare l’accordo per l’applicazione del FATCA, abbiamo evidenziato la tipologia particolare dei cittadini USA residenti in Repubblica, rientranti a nostro avviso in maniera preponderante nella tipologia prevista dalla sanatoria. Inoltre, fin dall’inizio, è apparsa evidente la necessità di garantire un trattamento equo a questi cittadini attraverso la stipula di accordi sia contro la doppia imposizione fiscale sia riguardo al Social Security.La stipula di questi accordi è la prospettiva delle nostre relazioni bilaterali.Questo percorso, iniziato già dal 2003, ha avuto una svolta nell’importante colloquio presso la Segreteria di Stato a Washington del giugno 2015 tra la nostra delegazione (Segretario di Stato agli Esteri, Ambasciatore e Direttore del Dipartimento Esteri) e la delegazione statunitense ai più alti livelli (Segretario di Stato Aggiunto per gli affari europei e euroasiatici, il suo Vice e il Funzionario incaricato per l’Italia, San Marino e Vaticano).In quella occasione il Segretario di Stato Aggiunto Victoria Nuland ha mostrato “ampia apertura a lavorare insieme per trovare le migliori soluzioni”, non mancando di esprimere “la soddisfazione del Governo Statunitense per il percorso intrapreso da San Marino verso la trasparenza in campo finanziario, la lotta all’evasione fiscale e il terrorismo internazionale”.Ora si lavora affinché il cambio di leadership USA possa offrire nuove opportunità di dialogo in vista del raggiungimento di questi accordi, come rimarcato dal Segretario agli Esteri Valentini nel messaggio di felicitazioni per la recente elezione del Presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump: “L’auspicio delle Autorità sammarinesi è che la nuova Amministrazione da Lei guidata confermi e rafforzi i vincoli esistenti e che, in tale spirito di collaborazione, siano affrontate anche le tematiche già individuate come prioritarie nel rapporto bilaterale, in particolare la stipula di accordi per evitare la doppia imposizione fiscale e in materia di sicurezza sociale”. San Marino, 16 novembre 2016/1716 d.f.R. 2016-12-02itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriMessaggio di felicitazioni a Donald Trump per la sua elezione a Presidente degli USAhttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010711.htmlLa Segreteria di Stato per gli Affari Esteri ha inoltrato oggi per le vie diplomatiche un messaggio di felicitazioni del Segretario di Stato Pasquale Valentini, anche a nome del Governo sammarinese, per la recente elezione del Presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump. Nell’unirsi al messaggio già inoltrato dagli Ecc.mi Capitani Reggenti, Valentini ha sottolineato “… un’amicizia che affonda le radici in un passato ormai lontano e che si è rinnovata, anche di recente, nel rapporto di fattiva e convinta collaborazione che caratterizza le nostre relazioni sia in ambito multilaterale che in campo bilaterale. I cittadini sammarinesi hanno potuto più volte sperimentare la vicinanza del popolo e delle Istituzioni statunitensi, così come l’hanno a loro volta dimostrata alla Grande Nazione Americana. L’auspicio delle Autorità sammarinesi è che la nuova Amministrazione da Lei guidata confermi e rafforzi i vincoli esistenti e che, in tale spirito di collaborazione, siano affrontate anche le tematiche già individuate come prioritarie nel rapporto bilaterale, in particolare la stipula di accordi per evitare la doppia imposizione fiscale e in materia di sicurezza sociale. La conclusione di tali accordi sarebbe per noi di grande interesse, considerata l’alta percentuale, rispetto alla popolazione complessiva, di cittadini statunitensi residenti a San Marino”. Il Segretario di Stato Valentini ha infine formulato “… l’augurio sincero di un proficuo lavoro nell’interesse del Suo Paese e nella ricerca continua della pacifica convivenza fra tutte le Nazioni”. San Marino, 15 novembre 2016/1716 d.f.R.2016-12-02itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriRinviata la decisione di chiudere il Convento San Francescohttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010710.html La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri, dinnanzi all’interesse e alla preoccupazione della cittadinanza, relativi alla decisione dell’Ordine dei Frati Minori di chiudere la Chiesa e il Convento di San Francesco, desidera far conoscere l’attuale situazione e l’azione condotta a più livelli per un riesame della decisione. A tal riguardo, come oramai noto, lo scorso mese di settembre un gruppo di cittadini ha promosso una petizione che ha determinato una raccolta di oltre 1.700 firme la quale, sostenuta sensibilmente dalle Istituzioni fino ad essere consegnata nelle mani degli Ecc.mi Capitani Reggenti, è stata poi indirizzata ai vertici dell’Ordine dei Frati Minori a livello Generale e Provinciale. La petizione sottolineava, tra l’altro, l’opportunità di riconsiderare la decisione per le ragioni riconducibili al profondo significato e al valore che per la Repubblica assume l’importante presidio di valori religiosi, storici e culturali e alla constatazione che trattasi del più antico insediamento religioso, che data la sua prima presenza a San Marino fin dalla metà del XIII secolo. La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri ha dunque attivato una serie di contatti a livello diplomatico per conoscere gli esiti della petizione della cittadinanza e per sostenerne le ragioni, che hanno favorito le seguenti determinazioni. La situazione a oggi non è di chiusura, bensì di temporanea sospensione della presenza della comunità religiosa francescana, in vista del prossimo capitolo, che prenderà avvio nell’aprile 2017 e al cui interno verrà ridiscussa la questione; nel frattempo, la Chiesa e il Convento saranno affidati alle cure di una comunità religiosa femminile. Tali nuove determinazioni saranno rese esecutive fin dalla prossima domenica 20 novembre, nel corso della celebrazione eucaristica che siglerà anche tale temporanea sospensione. Si ribadisce dunque la positività della mobilitazione corale di gruppo promotore e Istituzioni che ha portato alla riconsiderazione della decisione già adottata, sulla quale si nutrono aspettative di una positiva conclusione. San Marino, 15 novembre 2016/1716 d.f.R. 2016-12-02itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriLettere Credenziali per i nuovi Ambasciatori accreditatihttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010709.html Questa mattina ha avuto luogo, a Palazzo Pubblico, la cerimonia di presentazione agli Eccellentissimi Capitani Reggenti, Marino Riccardi e Fabio Berardi, dei nuovi rappresentanti diplomatici accreditati presso la Repubblica di San Marino. Sei i diplomatici che hanno presentato le proprie Lettere Credenziali nelle mani della Reggenza: SE Gregory Alan French, Ambasciatore di Australia; SE Erik Vilstrup Lorenzen, Ambasciatore di Danimarca, SE George Gabriel Bologan, Ambasciatore di Romania; SE Arnaldo Tomás Ferrari, Ambasciatore della Repubblica di Argentina; SE Jan Tombiński, Ambasciatore dell’Unione Europea; SE Sandra Elizabeth Alas Guidos, Ambasciatore della Repubblica di El Salvador. San Marino, 11 novembre 2016/1716 d.f.R. 2016-12-02itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriEvento culturale sul Giapponehttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010721.html La Segreteria di Stato agli Affari Esteri rende noto che il 1° novembre si svolgerà l’iniziativa “Il Giappone in San Marino”: una serie di eventi di presentazione della cultura nipponica nell’occasione del XX anniversario delle relazioni diplomatiche fra San Marino e il Paese del Sol Levante. Durante la serata di martedì prossimo, dalle ore 21 al Teatro Titano, si alterneranno momenti dedicati esclusivamente alla musica. Brani tradizionali e contemporanei saranno eseguiti con strumenti popolari giapponesi ricchi di fascino - il flauto diritto giapponese e il banjo giapponese a tre corde - che riescono a esprimere un’ampia gamma di sonorità. A suonarli saranno due artisti di fama internazionale al loro esordio a San Marino. Nella mattinata e nel primo pomeriggio del 1° novembre, presso l’Hotel Titano, si potrà invece assistere a dimostrazioni dell’arte dell’intaglio di verdure e ortaggi e del taglio artistico della carta. Yasai Zaiku e Kiri-E sono tecniche artigianali e decorative tradizionali del Giappone, che permettono di creare piccole sculture beneauguranti a decoro delle tavole in occasioni celebrative. Gli eventi sono promossi e organizzati dall’Ambasciata del Giappone presso la Repubblica di San Marino unitamente all’Istituto Giapponese di Cultura di Roma, con il sostegno del Consolato Generale Onorario, dell’associazione San Marino-Giappone e la collaborazione della Segreteria agli Affari Esteri. La partecipazione agli eventi è gratuita; la cittadinanza è invitata. San Marino, 28 ottobre 2016/1716 d.f.R. 2016-12-02itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari Esteri