Segreteria di Stato per gli Affari Esteri - Repubblica di San Marinohttp://www.esteri.sm/on-line/rss.jsp?instance=2&channel=1000002&idArticleLevel=1000010&size=10&idXsl=3&node=1000042Notizie e comunicati della Segreteria di Stato per gli Affari EsteriVisita ufficiale del Presidente dell'Assemblea Parlamentare dell'OSCEhttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1012797.html Il Presidente dell’Assemblea Parlamentare dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE), on.le George Tsereteli, è salito oggi sul Titano, accompagnato da una propria delegazione di cui facevano parte il Segretario Generale Roberto Montella e il funzionario Guido Almerigogna. Ad accoglierlo a Palazzo Begni il Segretario di Stato agli Affari Esteri, Nicola Renzi, con alcuni funzionari della Direzione Affari Politici. Nei giorni scorsi l’on.le Tsereteli ha partecipato alla Conferenza sull’anticorruzione, organizzata a Roma dalla Presidenza di turno italiana dell’OSCE, cui ha preso parte anche San Marino tramite l’Ambasciatore Daniela Rotondaro. Nel cordiale colloquio intrattenuto con il Segretario di Stato, Tsereteli ha riferito sui lavori della Conferenza e sul messaggio che lui stesso ha lanciato: “Ogni Paese è importante nel lavoro dell’Organizzazione; ogni contributo ha pari dignità e valore, perché non viene misurato in rapporto alla dimensione del Paese che lo offre”. Il discorso si è poi ampliato all’importanza del multilateralismo, specialmente in rapporto all’attualità nella zona dell’Ucraina, che registra l’acutizzarsi di tensioni, anche a livello militare. Circa questo aspetto, Renzi si è soffermato sulla necessaria valorizzazione e rivitalizzazione del multilateralismo, che per San Marino è di estrema importanza in quanto piattaforma ideale per far circolare il proprio contributo su temi rilevanti anche dal punto di vista globale. L’attività di San Marino in tale ambito è già molto intensa e proattiva: con l’OSCE -ha spiegato il Responsabile alla politica estera- vige un ottimo rapporto di collaborazione, che ribadisce l’importanza attribuita da San Marino alla sicurezza, alla pace e alla coesione sociale. Tali obiettivi, coniugati alla preminenza di un atteggiamento dialogico, possono imporsi al punto di far scongiurare conflitti e controversie internazionali, riaffermando sempre la priorità dell’uomo e dei suoi diritti fondamentali. In particolare Renzi ha sottolineato alcuni temi importanti su cui San Marino si sta muovendo, primo fra tutti il ruolo della tecnologia nelle complesse sfide odierne e le sue influenze sui paradigmi e sulle dinamiche delle crisi geopolitiche internazionali. A tal proposito il Governo di San Marino, nella consapevolezza delle proprie risorse limitate ma nel fermo di desiderio di fare la sua parte, nella primavera del 2019 promuoverà un convegno sul tema delle fake news, per il quale Renzi ha invitato l’ospite e l’organizzazione che rappresenta a rendersi parte attiva nell’organizzazione e nella partecipazione all’evento. Gli altri temi toccati sono stati quelli della cybersecurity, che dovrà essere normata a livello interno con il recepimento della Convenzione di Budapest; della protezione del patrimonio culturale, per la quale il Paese ha già preso un impegno nel 2017, a Nicosia, firmando la Convenzione del Consiglio d’Europa in materia. Infine le migrazioni, intimamente legate alla storia di San Marino. Su questo fronte l’attività della Repubblica è tuttora molto intensa in quanto a partecipazione a eventi e conferenze sul tema, organizzate dalle stesse Organizzazioni Internazionali, a dibattiti in Parlamento e alla conseguente attività normativa, a collaborazioni con Enti promotori di progetti umanitari nei confronti di profughi e rifugiati. Dopo essere stata ricevuta in Udienza dagli Ecc.mi Capitani Reggenti, prima di ripartire la delegazione ha incontrato i membri dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio Grande e Generale e la Delegazione Consiliare presso l’AP dell’OSCE. San Marino, 14 novembre 2018/1718 d.f.R. 2018-11-15itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriVisita del Servizio Europeo Azione Esterna dell'Unione Europeahttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1012793.html Nei giorni 12 e 13 novembre una delegazione del Servizio Europeo per l’Azione Esterna (SEAE) si è recata a San Marino per incontrare una delegazione di Governo e fare il punto sul negoziato in corso. La delegazione UE, guidata da Thomas Mayr-Harting (Managing Director), era composta da Jan Tombinski (Ambasciatore della UE presso San Marino), Claude Maerten (Capo Unità per l’Europa Occidentale) e da Anja Lubenau (Desk Officer per il negoziato). Da parte sammarinese erano presenti: Nicola Renzi, Segretario di Stato per gli Affari Esteri, e Andrea Zafferani, Segretario di Stato per l’Industria e il Commercio, assistiti dai funzionari della Direzione Affari Europei del Dipartimento Affari Esteri, della Rappresentanza Permanente a Bruxelles, della Segreteria di Stato Affari Esteri.   Gli incontri, caratterizzati da un clima di collaborazione e franchezza, si sono incentrati sull’analisi di alcuni tematiche emerse nel corso degli incontri negoziali degli scorsi mesi a Bruxelles, sulle quali è necessario un approfondimento politico e tecnico. Da parte sammarinese è stata evidenziata la necessità di effettuare ulteriori approfondimenti, sia interni che con la controparte UE, in quanto taluni aspetti del futuro Accordo di associazione presentano delle criticità sulle quali occorre ricercare soluzioni condivise nel rispetto delle esigenze di entrambi. Il confronto ha consentito altresì alle due parti di iniziare una discussione analitica che necessiterà di ulteriori approfondimenti a partire dal prossimo appuntamento negoziale, previsto a Bruxelles per l’ultima settimana del corrente mese. Confermata la volontà congiunta di procedere speditamente alla definizione di un Accordo che trovi il gradimento di entrambe le parti. I colloqui di questi giorni si inseriscono nell’agenda che il SEAE ha predisposto per incontrare periodicamente i Governi dei tre Paesi interessati a concludere un Accordo di associazione. San Marino, 13 novembre 2018/1718 d.f.R.     2018-11-15itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriFirmato l'accordo per lo stabilimento di relazioni diplomatiche con l'Etiopiahttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1012784.html E’ stato firmato questa mattina a Roma, presso l’Ambasciata di San Marino, l’Accordo per lo stabilimento delle relazioni diplomatiche con la Repubblica Federale Democratica di Etiopia. A sottoscriverlo i rispettivi Ambasciatori, Daniela Rotondaro e Zenebu Tadesse Woldetsadik.   Ad oggi la Repubblica intrattiene rapporti diplomatici con sedici Paesi Africani, con i quali vige un’ampia collaborazione a livello bilaterale, soprattutto nei settori economico e commerciale, e all’interno degli Organismi multilaterali.   L’Accordo con l’Etiopia si inserisce nel processo di internazionalizzazione in atto, che vede l’Esecutivo fortemente impegnato a promuovere e rafforzare i rapporti fra Stati; più di recente, sono stati siglati analoghi accordi con Paesi dell’Oceania.   L’apertura delle relazioni con l’Etiopia al più alto livello costituisce altresì un rinnovato supporto ai cittadini sammarinesi interessati a promuovere e avviare collaborazioni anche nei settori della cultura e del turismo.  San Marino, 7 novembre 2018/1718 d.f.R.   2018-11-15itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriBando di selezione per stage formativo presso la Segreteria di Statohttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1012779.html La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri informa che la Direzione Generale della Funzione Pubblica ha emesso un bando di selezione (n. 16/2018/AF) per l’ammissione di un laureato a uno stage formativo retribuito presso la Segreteria di Stato agli Affari Esteri. Oggetto del bando è l’attività di formazione nel settore delle iniziative, europee e internazionali, per il contrasto delle fake news e della disinformazione, e nella progettazione di una campagna informativa e divulgativa relativamente al percorso di associazione della Repubblica di San Marino all’Unione europea.  Il vincitore sarà coinvolto nella ricerca e studio sul tema, nell’elaborazione di rapporti e atti di seminari e conferenze, nell’organizzazione di eventi, nella cura delle relazioni con gli Organismi multilaterali e la stampa internazionale, in considerazione dell’importantissimo ruolo di coloro che si occupano di comunicazione, tradizionale e digitale. La selezione, aperta a cittadini o residenti in territorio, laureati di età non superiore ai 40 anni, disoccupati e in possesso di determinati titoli e requisiti, avverrà mediante colloquio con la Commissione incaricata, che accerterà la motivazione dei candidati, la cultura generale, la conoscenza della lingua inglese e la conoscenza specifica sui temi oggetto del bando. La durata dello stage formativo sarà di 18 mesi, eventualmente prorogabili, con un impegno di 36 ore settimanali flessibili, e potrà prevedere soggiorni di studio e ricerca presso le Rappresentanze diplomatiche sammarinesi all’estero e la partecipazione a conferenze tenute da Organizzazioni Internazionali. Gli interessati possono inviare la propria domanda, corredata della documentazione richiesta dallo schema di bando visionabile sul sito www.pa.sm / sezione Selezione e concorsi, alla Direzione Generale della Funzione Pubblica entro e non oltre le ore 14.15 di lunedì 19 novembre 2018. La Direzione Generale della Funzione Pubblica potrà fornire le informazioni relative alle procedure di presentazione della domanda (tel. 0549.882837 - info.direzionegeneralefunzionepubblica@pa.sm), mentre la Segreteria di Stato e il Dipartimento per gli Affari Esteri rimangono a disposizione per quesiti in merito al contenuto del bando (dipartimentoaffariesteri@pa.sm ). Il bando promuove la formazione su un tema, quello delle fake news, di stretta attualità sul piano internazionale; la Segreteria di Stato auspica un forte interesse e una nutrita partecipazione da parte dei giovani sammarinesi, interessati a confrontarsi con ambienti e situazioni stimolanti che possano offrire nuove opportunità di crescita personali e professionali. San Marino, 5 novembre 2018/1718 d.f.R. 2018-11-15itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriSostegno alla Risoluzione ONU per l'inclusione delle donne nei processi di pacehttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1012780.html La Repubblica di San Marino sostiene la messa in opera della Risoluzione 1325 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per l’inclusione delle donne nei processi di pace. Il 31 ottobre scorso, l’Ambasciatore di San Marino presso l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa - OSCE, Elena Molaroni, in un video condiviso su YouTube ha preso la parola assieme ad altre colleghe per ribadire l’impegno dei rispettivi Paesi nell’attuazione della Risoluzione. Il lavoro dell’OSCE è guidato dalla Risoluzione ONU, che disciplina l’agenda per le donne, la pace e la sicurezza, identificando nella donna il ruolo chiave per la prevenzione dei conflitti e per i processi di riconciliazione.       2018-11-15itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriBando di selezione per stage formativi presso le sedi diplomatiche all'esterohttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1012771.html La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri informa che la Direzione Generale della Funzione Pubblica ha emesso un bando di selezione (n. 15/2018/AF e successiva errata corrige) per l’ammissione a stage formativi non retribuiti presso le sedi delle Rappresentanze Diplomatiche sammarinesi all’estero. La selezione dei 5 candidati, cittadini o residenti in territorio e di età non superiore ai 35 anni, avverrà per titoli e requisiti, con valutazione della conoscenza delle lingue straniere, come dettagliato nel bando. Gli stage formativi, con decorrenza da gennaio 2019 (e comunque secondo le indicazioni fornite dal Dipartimento Affari Esteri in accordo con le sedi estere), avranno durata trimestrale, eventualmente prorogabile di ulteriori 3 mesi, e rappresentano esperienze di alta formazione, finalizzate alla crescita curriculare e all’approfondimento della politica estera e delle specifiche attività portate avanti dalla Repubblica in seno ai principali Organismi Internazionali. I vincitori della selezione saranno coinvolti in attività di formazione teorico-pratica con impegno di 36 ore settimanali distribuite su 5 giornate lavorative per l’assistenza al personale della sede, la partecipazione ai lavori delle Organizzazioni Internazionali, la redazione di rapporti e lo studio di specifici temi inerenti all’attività della sede diplomatica. Le sedi diplomatiche sammarinesi che accoglieranno gli stagisti sono: - l’Ambasciata in Austria e la Rappresentanza Permanente presso le Organizzazioni internazionali a Vienna (2 posti); - la Missione presso l’Unione Europea a Bruxelles (1 posto); - l’Ambasciata in Italia a Roma (1 posto); - la Rappresentanza Permanente presso il Consiglio d’Europa a Strasburgo (1 posto). I giovani interessati possono inviare la propria domanda, corredata della documentazione richiesta, alla Direzione Generale della Funzione Pubblica entro e non oltre le ore 14.15 di lunedì 3 dicembre 2018.   Per ulteriori informazioni sullo svolgimento delle attività di stage, il Dipartimento Affari Esteri rimane a disposizione (tel. 0549882144 - dipartimentoaffariesteri@pa.sm ). Per ogni altra delucidazione riguardante la documentazione da allegare alla domanda di ammissione, occorre invece rivolgersi alla Direzione Generale della Funzione Pubblica (tel. 0549882837 - info.direzionegeneralefunzionepubblica@pa.sm ).   San Marino, 26 ottobre 2018/1718 d.f.R. 2018-11-15itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari Esteri"Soldi sporchi" - presentazione del romanzo postumo di Guido Bellatti Ceccolihttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1012770.html Sabato 27 ottobre, alle ore 16.30, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi, si terrà la presentazione del romanzo postumo di Guido Bellatti Ceccoli “Soldi sporchi – Il commissario Tortora contro la mafia russa”. Guido Bellatti Ceccoli era un giurista di formazione e un diplomatico sammarinese di professione, fortemente appassionato del suo lavoro (Rappresentante Permanente presso il Consiglio d’Europa e Ambasciatore presso la Tunisia, nonché Consigliere della delegazione permanente presso l’Unesco), che nel tempo libero si dilettava con successo a scrivere e a fare musica. A un anno esatto dalla sua morte, la casa editrice Pegasus Edition ha pubblicato postumo l’ultimo dei lavori di Guido. Il Capo Redattore Centrale della San Marino RTV, Sergio Barducci, introdurrà il romanzo insieme all’editore, Roberto Sarra, al direttore editoriale, Daniela Quieti, e a Dario Rossi, membro della Rappresentanza diplomatica a Strasburgo. L’evento gode del patrocinio delle Segreterie di Stato agli Affari Esteri e alla Cultura. A seguire, alle ore 18.30, verrà celebrata una Veglia di Preghiera in memoria del compianto Ambasciatore presso la Chiesa di San Francesco. ____________________________________________________________________________ Il thriller, avvincente ed emblematico, con crescente ritmo narrativo e profonda caratterizzazione psicologica dei personaggi, tratta argomenti quali il riciclaggio di enormi flussi finanziari, il crimine organizzato e misteriosi intrighi tra collegamenti internazionali, insospettabili intermediari e spietati malavitosi. Sul tavolo del commissario Tortora c’è il dossier che contiene dati preziosi per lo sviluppo della complessa indagine da cui si dipaneranno inattesi epiloghi.   San Marino, 25 ottobre 2018/1718 d.f.R. 2018-11-15itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriIl Governatore della CEB, Rolf Wenzel, ricevuto a Palazzo Begni dal Segretario di Stato Renzihttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1012757.html Progetti e collaborazioni al centro del colloquio con il Governatore della Banca di Sviluppo del Consiglio d'Europa, a ribadire la vocazione alla dimensione internazionale del sistema sammarinese e la fiducia nel multilateralismo     2018-11-15itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriCelebrazioni nella Giornata Mondiale dell'Alimentazionehttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1012752.html In tutto il mondo si celebra oggi la Giornata dell’Alimentazione, istituita nel 1945 dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO).   Le tre agenzie specializzate dell’ONU con sede a Roma - FAO, WFP (Programma Alimentare Mondiale) e IFAD (Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo) - hanno congiuntamente organizzato l’evento, che si inserisce nella settimana dei lavori del Comitato per la Sicurezza Alimentare Mondiale (CFS): la piattaforma più inclusiva a livello internazionale in materia di sicurezza alimentare e nutrizione, partecipata da governi, organismi e istituzioni internazionali, istituti di ricerca, settore privato e società civile.   San Marino partecipa, attraverso la propria Rappresentanza Permanente, alla Sessione del Comitato e alle celebrazioni legate all’evento odierno; venerdì scorso ha altresì preso parte all’incontro organizzato dal Ministero degli Affari Esteri sull’utilizzo dell’innovazione e lo spreco alimentare.   Il tema scelto per la Giornata Mondiale è dedicato quest’anno all’Obiettivo 2 dell’Agenda2030 per lo Sviluppo Sostenibile: “Raggiungere il target Zero della Fame”. "Fame zero" non significa solo sconfiggere la fame, ma raggiungere totale sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione, promuovere politiche per un’agricoltura sostenibile. "Fame Zero" significa inoltre accesso al cibo per tutti, che deve essere sufficiente, sano e nutriente.   I dati del “Rapporto 2018 sullo stato della Sicurezza Mondiale nel mondo”, resi noti oggi dalle Agenzie ONU, sono allarmanti e testimoniano l’aumento del numero delle persone che soffrono la fame nel mondo; rispetto al 2016, nel 2017 l’incremento è stato di 17 milioni di persone, per un totale di 820 milioni. I progressi compiuti nel decennio precedente potrebbero essere dunque vanificati per cause quali l’aumento dei conflitti con conseguenze di forti emigrazioni, soprattutto nei paesi già colpiti dall’insicurezza alimentare e dall’impatto dei cambiamenti climatici, dalle carestie e dalle inondazioni. Al contempo si riscontra un incremento dell’obesità, che in maniera trasversale coinvolge tutti i Paesi, ma che registra un aumento in Africa e Asia, dove su 1,9 miliardi di persone, 672 milioni sono obese.   Occorre dunque affrontare il tema interconnesso della sicurezza alimentare e dello sviluppo rurale. Circa il 70% delle popolazioni più povere vive nelle aree rurali, dove l’agricoltura, la pesca, la silvicoltura sono alla base dell’economia; in queste regioni è necessario intervenire al fine di ottimizzare i sistemi di produzione alimentare attraverso tecniche nuove che promuovano la resilienza, politiche che accrescano il ruolo della donna e tecniche che migliorino l’impatto climatico. Di pari passo occorre promuovere una maggiore consapevolezza ed educazione circa i danni correlati all’obesità. Va proprio in questa direzione l’appello lanciato dal Direttore Generale della FAO ai Governi, alle Istituzioni, al settore privato, alla società civile per raggiungere l’obiettivo di "Fame Zero".   Oltre ai Direttori delle tre Agenzie ONU che hanno sede nella Capitale, la Cerimonia ha annoverato la partecipazione di Sua Maestà il Re Letsie III del Lesotho e di Sua Maestà Letizia Regina di Spagna -in qualità di Ambasciatori della FAO per la Nutrizione- di Sua Santità Papà Francesco e del Segretario Generale dell’ONU, António Guterres. San Marino, 16 ottobre 2018/1718 d.f.R.   2018-11-15itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriBando del Consiglio d'Europa rivolto ai giovanihttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1012739.html La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri informa del bando di selezione rivolto ai giovani indetto dal Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa. Nel quadro dell’iniziativa “Ringiovanire la politica”, l’Organizzazione di Strasburgo invita un giovane di ogni Stato membro a partecipare in qualità di delegato alle sessioni di lavoro di aprile e ottobre 2019 e a sviluppare un progetto locale relativo al proprio Paese sotto l’egida del Congresso dei Poteri. Le spese di viaggio e soggiorno sono a carico del Consiglio d’Europa. Requisiti indispensabili sono l’età, non inferiore a 18 e non superiore a 30 anni; la residenza effettiva nello Stato membro da almeno 5 anni e la permanenza durante l’intera durata del progetto; la disponibilità a prendere parte ad entrambe le sessioni; un inglese fluente. Per inviare la propria candidatura occorre compilare l'apposito formulario elettronico entro il 12 ottobre 2018. Per ulteriori informazioni: congress.youth@coe.int Si precisa che le selezioni saranno effettuate autonomamente dal Consiglio d'Europa.   La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri si compiace per questa interessante opportunità formativa e partecipativa offerta ai giovani sammarinesi: un modo concreto per avvicinare le nuove generazioni alla politica, renderle attive e propositive, rinforzando il dialogo fra le espressioni democratiche locali e quelle sovranazionali. San Marino, 5 ottobre 2018/1718 d.f.R. 2018-11-15itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari Esteri