Segreteria di Stato per gli Affari Esteri - Repubblica di San Marinohttp://www.esteri.sm/on-line/rss.jsp?instance=2&channel=1000002&idArticleLevel=1000010&size=10&idXsl=3&node=1000042Notizie e comunicati della Segreteria di Stato per gli Affari EsteriLa delegazione di WoW in Udienza da Papa Francescohttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1011792.html Il Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Nicola Renzi, ha accompagnato oggi, in Udienza dal Santo Padre in Piazza San Pietro, una delegazione in rappresentanza del progetto “Wheels on Waves” (WoW), fortemente sostenuto dal Governo della Repubblica di San Marino. Il progetto nasce con l’intento di promuovere il rispetto dei diritti delle persone disabili e diffondere un messaggio di pace e uguaglianza, abbattendo le barriere psicologiche, oltre che fisiche. San Marino, per il tramite dell’alto patrocinio degli Ecc.mi Capitani Reggenti e la collaborazione di questa Segreteria di Stato, ha voluto offrire un segno concreto di condivisione e di reale vicinanza allo scopo del progetto, contribuendo a dare risonanza ai contenuti della Convenzione delle Nazioni Unite per i diritti delle persone con disabilità. La Repubblica, che fra l’altro è stata fra le prime nazioni a ratificare l’importante strumento internazionale, ha inoltre favorito, nel maggio scorso, la consegna diretta di tale Trattato per mano dello stesso Segretario Generale ONU, Antonio Guterrez, così come l’adempimento odierno, che ha visto il promotore dell’iniziativa, Andrea Stella, rimettere nelle mani di Papa Francesco l’importante atto convenzionale. La pergamena è giunta in Italia qualche settimana fa a bordo del primo catamarano al mondo accessibile ai disabili, “Lo Spirito di Stella”, dopo aver effettuato una singolare traversata oceanica partita nell’aprile scorso da Miami e destinata a raggiungere Trieste nel prossimo mese di ottobre. Andrea Stella ha consegnato la pergamena unitamente a un omaggio appositamente creato per l’occasione, trattenendosi a breve colloquio con Papa Francesco che, con la sua consueta amabilità, ha espresso parole affettuose e lodevoli nei confronti dell’iniziativa a sostegno dei più deboli della società.  Con la sua presenza, il Segretario di Stato Renzi ha voluto testimoniare il forte interesse delle Istituzioni al tema della disabilità e, accompagnando la stessa delegazione dinnanzi al Pontefice, ribadire l’ottimo rapporto bilaterale che lega la Repubblica alla Santa Sede, favorendo l’alto riconoscimento del Santo Padre all’iniziativa sociale e umanitaria. Si è trattato di un momento di forte emozione e, per tutta la delegazione presente nella gremitissima Piazza San Pietro, il coronamento di un faticoso ma entusiasmante progetto.   San Marino, 13 settembre 2017/1717 d.f.R. 2017-09-20itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriPresentata la III edizione del Corso di alta formazione in processi di internazionalizzazionehttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1011791.html Oltre 120 ore di lezione curate da docenti universitari, diplomatici e dirigenti di aziende multinazionali, unite alla possibilità di svolgere tirocini formativi all’estero. E’ quanto offre per il terzo anno consecutivo il corso di alta formazione in Processi di Internazionalizzazione organizzato in partnership dall’Università degli Studi della Repubblica di San Marino e dalla Segreteria di Stato agli Affari Esteri, con un programma di studi riservato a laureati e non, caratterizzato da una novità: il ‘project work’, un’attività che porterà gli iscritti in una serie di selezionate aziende sammarinesi per redigere un piano di internazionalizzazione riferito a una specifica area geografica del mondo. Uno strumento per sperimentare quanto appreso in aula, quindi, e mettersi alla prova con un caso pratico. Presentato oggi a Palazzo Begni dal Rettore dell’Ateneo, Corrado Petrocelli, e dal Segretario di Stato agli Esteri, Nicola Renzi, il corso riceve quindi nuovo impulso e conferma al contempo gli approfondimenti su temi come il web marketing internazionale, la gestione dei dati, le strategie di vendita e gli aspetti fiscali legati a queste dinamiche. A ciò si affiancano le esperienze formative in imprese collocate in Paesi come Giappone, Vietnam, Indonesia e India, organizzate dalla Segreteria di Stato agli Affari Esteri grazie all’attività del suo corpo diplomatico e consolare, con il contributo economico dell'Associazione Bancaria Sammarinese. “Una delle nostre caratteristiche è non creare doppioni rispetto a quanto proposto dagli altri Atenei, e in questo senso il corso è decisamente originale - commenta Petrocelli - gli studenti hanno la possibilità di comprendere alcuni meccanismi coinvolti nell’avvio di un’attività all’estero attraverso casi di studio come India, Cina e Giappone. Grazie ai tirocini i partecipanti possono toccare con mano quanto accade durante questi processi”. “Grazie a questa iniziativa - spiega Renzi - l’Internazionalizzazione viene studiata dal punto di vista teorico e pratico. Le competenze fornite - prosegue - potranno essere reimpiegate in organismi come l’Agenzia per lo Sviluppo e lo Sportello unico”. Le lezioni, coordinate dal direttore scientifico Massimo Ferdinandi, sono in calendario dal 3 novembre prossimo al 3 marzo 2018 e prevedono un esame finale scritto che porterà alla selezione degli studenti ai quali verrà offerta la possibilità di accedere ai tirocini all’estero. Il rilascio del diploma è riservato agli studenti che frequenteranno almeno il 70% del programma e presenteranno il project work. Le pre-iscrizioni, aperte fino al 26 settembre, possono essere effettuate dal sito web dell'Ateneo, www.unirsm.sm, selezionando la voce “iscrizioni” nella pagina dedicata al corso, alla quale è possibile accedere dalla sezione “offerta formativa”. In alternativa è attivo il link diretto www.unirsm.sm/corsointernazionale. La quota di iscrizione è di 800 euro.   San Marino, 12 settembre 2017/1717 d.f.R. 2017-09-20itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriBando di concorso per l'ammissione alla Scuola dell'Arte della Medaglia di Romahttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1011783.html Il Dipartimento Affari Esteri informa che l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato ha indetto un bando di concorso per l’iscrizione alla Scuola dell’Arte della Medaglia per l’a.a. 2017/’18. Sono disponibili n. 12 posti di allievo del corso ordinario triennale, finalizzato all’apprendimento delle tecniche medaglistiche e discipline collegate, e n. 12 posti del corso annuo propedeutico della Scuola, istituita presso la Zecca, per la preparazione all’esame di ammissione al corso ordinario. Il concorso è aperto a maggiorenni (e a coloro che lo diventeranno entro il prossimo 1° novembre), in possesso di titolo di studio a indirizzo artistico. Possono essere ammessi anche giovani che, pur con titolo di studio diverso, comprovino l’attitudine all’arte della medaglia con attestati, disegni, fotografie di opere e quant’altro ritenuto idoneo ai fini della valutazione. Le domande di ammissione, redatte in carta libera su modello preimpostato, dovranno pervenire all’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A. – Scuola dell’Arte della Medaglia, via Principe Umberto n. 4, 00185 Roma - entro venerdì 15 settembre, ore 17 (via posta, fax o consegnate a mano). Le prove di capacità per l’ammissione alla Scuola avranno luogo a Roma, presso la Scuola, entro il mese di ottobre 2017, e consisteranno in 2 saggi di disegno dal nudo e 1 saggio di modellazione in bassorilievo. La graduatoria di merito sarà formata dal Comitato Artistico della Scuola, secondo criteri di valutazione previamente fissati e con giudizio insindacabile. Per ulteriori informazioni si invita a visionare il bando, il sito della Scuola o a telefonare al numero 06.85083725.   San Marino, 8 settembre 2017/1717 d.f.R. 2017-09-20itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriAvviata con successo l'attività di internazionalizzazione in Indiahttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1011779.html A conclusione di una missione autorizzata dal Governo, la Segreteria per gli Affari Esteri rende noto che, presso il Consolato Generale di New Delhi in India, sono state avviate con successo le attività di internazionalizzazione, incentrate anche sull’attrazione di nuovi flussi turistici presso la Repubblica di San Marino. Per un periodo di due mesi il nostro Consolato è stato supportato da un agente del Governo nell’implementazione delle nuove metodologie di lavoro, che si intendono standardizzare per altri Consolati e Ambasciate. Durante l’avvio delle operazioni sono state contattate 14 tra le principali agenzie di viaggio e tour operator della capitale, ed entro i prossimi 12 mesi si prevede l’arrivo dei primi flussi turistici indiani. In occasione del suo recente incontro con il nostro Ambasciatore Massimo Ferdinandi, incaricato del progetto di internazionalizzazione, il Console Generale Analjit Singh ha confermato il significativo e continuativo impegno del Consolato da lui retto nella direzione di una metodica e organizzata azione di attrazione sia di flussi turistici, sia di investimenti provenienti dall’India. Questa Segreteria si rallegra per l’avvio delle operazioni di sviluppo economico anche presso il Consolato Generale di New Delhi, che fa seguito alle missioni svolte presso l’Ambasciata in Indonesia e il Consolato Generale di Hanoi, e si appresta ad estendere la stessa attività di standardizzazione presso altre missioni diplomatiche e consolari nei paesi asiatici, in previsione delle migliori sinergie con l’Agenzia per lo Sviluppo Economico, cui il Governo sta lavorando. Le attività mirate allo sviluppo economico sostenibile della Repubblica di San Marino rappresentano, infatti, una delle priorità di questo Governo.   San Marino, 6 settembre 2017/1717 d.f.R. 2017-09-20itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriUdienza al Nunzio Apostolico in occasione del suo congedohttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1011778.html Ha avuto luogo oggi, alla presenza degli Ecc.mi Capitani Reggenti, Mimma Zavoli e Vanessa D’Ambrosio, la cerimonia di congedo di S.E. Rev.ma Mons. Adriano Bernardini, Nunzio Apostolico presso la Repubblica di San Marino, Decano del Corpo Diplomatico e Consolare Accreditato. Mons. Bernardini è stato prima ricevuto, a Palazzo Begni, dal Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Nicola Renzi, sviluppando una serie di argomenti propri del rapporto bilaterale, con particolare riferimento al recente negoziato in corso per la definizione di un’Intesa destinata a regolamentare l’insegnamento dell’ora di religione nella scuola sammarinese. In segno di riconoscenza per l’opera prestata quale Nunzio Apostolico, Renzi ha poi insignito l’alto Diplomatico dell’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine Equestre di Sant’Agata. Indirizzandosi al Rappresentante pontificio al cospetto della Reggenza, il Responsabile della politica estera ha espresso sentimenti di gratitudine anche a nome dei colleghi di Governo, “per l’espletamento di un incarico che, nella scrupolosa e fedele osservanza delle regole e dei principi emanati dalla Santa Sede, ha segnato un’ulteriore bella pagina delle già ottime relazioni bilaterali”, nel rispetto di un’antica e fraterna amicizia basata sulla comunanza di valori universali che, nella condivisione e nel dialogo, trovano la loro massima espressione. Dal 2012, anno in cui ha preso avvio l’incarico di S.E. Mons. Bernardini, le relazioni fra San Marino e la Santa Sede si sono ancor più intensificate. Udienze e Visite Ufficiali al Santo Padre, attività nell’ambito della Diocesi e con il Vescovo, adempimenti sul piano formale, per i quali prezioso è stato l’intervento e la collaborazione della Nunziatura Apostolica, nella persona del suo Rappresentante, di cui il Paese ha potuto conoscere e apprezzare competenze e capacità. Nel ricevere l’Alto Plenipotenziario, la Reggenza ne ha elogiato la missione, caratterizzata da “estrema competenza e conoscenza dello Stato […], generoso impegno ed efficace disponibilità”. Ha inoltre sottolineato l’importanza e il significato del ruolo assunto dall’incaricato Vaticano per la Comunità sammarinese “[…] profondamente legata alle radici cristiane che hanno inevitabilmente forgiato l’identità della nostra millenaria Repubblica”. Da parte delle Massime Istituzioni dello Stato, infine, la riconoscenza dello Stato e dei suoi Cittadini “per il profondo attaccamento verso il Paese”, con la partecipazione, in prima persona, ai momenti salienti che esprimono l’appartenenza del Popolo ad una Comunità di Persone e di Fedeli, “mostrando particolare attenzione alla singolare realtà statuale, ecclesiale e sociale di questa Repubblica”. San Marino, 5 settembre 2017/1717 d.f.R. 2017-09-20itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriI Responsabili dell'iniziativa "Un calcio per la pace" a colloquio con il Segretario di Stato Renzihttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1011776.html Il Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Nicola Renzi, ha accolto questo pomeriggio, a Palazzo Begni, la delegazione aderente al progetto “Un calcio per la pace”, a San Marino da qualche giorno, e che comprende, fra l’altro, 16 ragazzi provenienti dall’area israelo-palestinese e appartenenti alle tre principali religioni monoteiste. Renzi ha ricevuto a colloquio il Rappresentante parlamentare arabo-israeliano al Knesset, Isawi Frej, che coordina l’iniziativa del progetto culturale, giunto alla sua terza edizione, e che trova in San Marino un luogo favorevole e neutrale affinché il processo di riconciliazione in atto in detta area possa trovare terreno fertile di dialogo e di confronto, sostenuto dallo sport. Il parlamentare era accompagnato da Giorgio Gasperoni, nella sua qualità di Presidente della sezione sammarinese di “Universal Peace Federation”. Incontrando i responsabili dell’iniziativa, il Segretario di Stato ha inteso sottolineare la validità del messaggio di dialogo e di pace e la concreta opportunità che la Repubblica offre ai ragazzi di incontrarsi per costruire una rete di relazioni. Si è trattato di un incontro che ha consentito di mettere in luce valori e tratti distintivi dello spirito d’accoglienza e di solidarietà della Repubblica, che danno senso e compiutezza anche al ruolo svolto dal Paese in seno agli Organismi multilaterali.   San Marino, 4 settembre 2017/1717 d.f.R. 2017-09-20itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriUdienza a Kate Spindell, Presidente della Camera dei Rappresentanti della 100° AG dell'Illinoishttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1011775.html E’ stata ricevuta oggi in Udienza dagli Ecc.mi Capitani Reggenti, Kate Spindell, coordinatrice del “Lincoln Funeral Coalition”, Comitato della città di Springfield (Illinois), che nel 2015 ha organizzato le celebrazioni americane in occasione del 150° anniversario del funerale del Presidente Abramo Lincoln. A presentare l’Ospite alla Reggenza il Segretario di Stato agli Affari Esteri, Nicola Renzi, che ha ripercorso il legame instaurato fra San Marino e la città di Springfield, nato da un viaggio di piacere negli Stati Uniti di un gruppo di cittadini sammarinesi, guidati dai signori Renzo Ghiotti e Armando Stacchini, giunti nel 2014 proprio a Springfield. La città che li ha accolti ha dimostrato fin da subito un vivo interesse per il racconto dei fatti storici che uniscono Abramo Lincoln alla Repubblica di San Marino, di cui il Presidente è divenuto cittadino onorario nel 1861. Per l’affetto dimostrato dalla città di Springfield, nel 150° anniversario delle esequie del Presidente Lincoln San Marino ha patrocinato l’emissione di una pregevole moneta in argento del valore di 10 euro, donata al Sindaco della città, Michael Houston, nell’aprile 2015, durante le celebrazioni americane. La Signora Spindell, a nome della Camera dei Rappresentanti della Centesima Assemblea Generale dello Stato dell’Illinois che lei stessa presiede, ha voluto omaggiare la Reggenza di una bandiera americana ricamata a mano e piegata dai militi della Marina inserita in un’apposita teca, nonché di una copia della Risoluzione della Camera dei Rappresentanti contenente gli auguri in occasione dei 1717 anni dalla Fondazione della Repubblica.   San Marino, 4 settembre 2017/1717 d.f.R. 2017-09-20itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriA Palazzo Begni l'incontro annuale con il Corpo Diplomatico e Consolare Sammarinesehttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1011774.html Una quarantina gli Ambasciatori e i Consoli convenuti a Palazzo Begni su invito del Responsabile alla Politica Estera. "A voi, che siete gli occhi e la voce di San Marino nel mondo, il compito di tenere alto il nome della Repubblica e mantenere saldo il legame con i suoi valori fondanti" 2017-09-20itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriL'Ambasciatore d'Italia a San Marino, Barbara Bregato, in visita di congedohttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1011769.html L’Ambasciatore d’Italia presso la Repubblica di San Marino, Barbara Bregato, è stato ricevuto questa mattina in visita di congedo dagli Eccellentissimi Capitani Reggenti. Ad accompagnarlo i suoi più stretti collaboratori diplomatici e amministrativi. Prima di recarsi a Palazzo Pubblico, SE Bregato si è intrattenuta a colloquio con il Segretario di Stato Nicola Renzi a Palazzo Begni. Giunto al termine del proprio mandato diplomatico, a breve l’Alto Plenipotenziario cesserà le proprie funzioni e lascerà la Repubblica per svolgere il proprio ruolo altrove. Nel corso dell’Udienza di congedo dalle massime Istituzioni della Repubblica, il Segretario di Stato per gli Affari Esteri ha ripercorso i momenti salienti della missione dell’Ambasciatore Bregato, che “dal 2013 ricopre un ruolo tanto caro alle Istituzioni e ai suoi cittadini, per l’unicità del rapporto che unisce la Repubblica all’amica Nazione Italiana”. Renzi ha voluto portare all’attenzione dei presenti il contributo essenziale fornito dall’Ambasciatore: “La coincidenza dell’avvio dell’incarico diplomatico con l’effettivo superamento delle criticità pregresse ha aperto una nuova pagina delle storiche, fraterne, relazioni italo-sammarinesi, elevandole a un rinnovato livello di eccellenza dopo la fase di profonda trasformazione degli assetti generali del Paese”; un ruolo – ha aggiunto il Responsabile alla politica estera, svolto con “incisiva competenza, alto senso di responsabilità e costante dedizione” che mai sono venuti meno, e che hanno rappresentato i “capisaldi di un’azione energica, indirizzata a tutti gli ambiti di promozione e intermediazione propri dell’esclusivo rapporto di contiguità territoriale e di condivisione identitaria”. Così il Segretario di Stato Renzi, che ha poi sottolineato come l’Ambasciatore Bregato abbia ”rappresentato, sotto il profilo istituzionale e personale, un riferimento prioritario e affidabile anche nell’azione costante di tessitura negoziale con i numerosi interlocutori istituzionali italiani […]” e nell’impegno verso la nutrita Comunità di Cittadini Italiani presente a San Marino. Renzi ha poi speso parole di apprezzamento e stima per la disponibilità sempre manifestata dall’Alto Plenipotenziario “nelle attività che San Marino e Italia svolgono nelle sedi multilaterali, per la frequenza delle posizioni che assumono nel solco delle comuni tradizioni democratiche e nel pieno rispetto dei diritto e delle libertà fondamentali”. Anche a nome del Governo, ha infine espresso il sentimento di comune riconoscenza e considerazione che mai è venuto meno nei confronti di S.E. Bregato, per la sua profonda integrità morale e intellettuale; qualità che ne hanno caratterizzato “l’impegno fedele e rispettoso al quadro politico e normativo di questa Terra per un servizio svolto con lealtà, che ha avvicinato i nostri Popoli con l’orgoglio delle comuni identità”. Nelle parole della Reggenza un riferimento all’encomiabile operato dell’Alto Plenipotenziario “personale e distintivo”, che ha saputo rinsaldare la collaborazione italo-sammarinese facendo leva sui “valori della cooperazione giuridica ed economica e su sentimenti di sincera e fraterna amicizia”. Quale “eccellente punto di riferimento e interlocutore privilegiato” ha saputo agire in maniera discreta ma ferma ed autorevole, con sensibilità e delicatezza: sentimenti che si sono tradotti in azioni concrete e i cui risultati sono evidenti. Il Diplomatico italiano ha, a sua volta, ribadito lo spirito di amicizia fra i due Paesi, nonché la sua personale soddisfazione per aver potuto conoscere profondamente la realtà sammarinese e per aver maturato personali e amichevoli rapporti in tutti i suoi contesti. L’Ambasciatore Bregato ha avuto parole di apprezzamento per un Paese amico e solidale, qual è San Marino; un richiamo di profonda riconoscenza anche alle Istituzioni e ai Cittadini che l’hanno accolta in maniera affettuosa e benevola. In segno di viva gratitudine e sincera amicizia, il Diplomatico italiano è stato insignito dell’Onorificenza di Cavaliere Grand’Ufficiale dell’Ordine Equestre di Sant’Agata.   San Marino, 31 agosto 2017/1716 d.f.R. 2017-09-20itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriPrecisazione su nomine di rappresentanti diplomatici e consolari sammarinesihttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1011768.html In relazione alle vicende giudiziarie che investono rappresentanti diplomatici della Repubblica, ora revocati, e alla segnalazione di un altro diplomatico tutt’ora in carica, la Segreteria di Stato per gli Affari Esteri intende fornire le seguenti precisazioni. Con l’avvio del nuovo Esecutivo, il Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Nicola Renzi, tra i primi adempimenti, ha inteso adottare uno specifico regolamento, quale screening preventivo da applicare per la designazione di rappresentanti diplomatici e consolari onorari. Tale procedura, che persegue finalità di trasparenza e si pone a garanzia del buon nome di San Marino anche attraverso l’azione dei suoi rappresentanti all’estero, si prefigge di standardizzare controlli e assunzione di informazioni preventive e demanda ai pubblici uffici una serie di indagini propedeutiche alla designazione medesima. Lo stesso Segretario di Stato Renzi afferma di non aver avuto conoscenza personale e neppure di interazione dovuta alla carica del rappresentante diplomatico di cui alla cronaca odierna, l’Ambasciatore Yosef Gershon, né di aver fino ad oggi ricevuto alcuna diretta informativa dal medesimo, né da altre fonti. La Repubblica si compone oggi di un Corpo Diplomatico e Consolare all’estero che opera con requisiti di onorabilità, sensibilmente accresciuto nei numeri; è dunque verosimile che, se non dietro espressa richiesta, il titolare della politica estera sia nell’impossibilità di aver contatti e conoscenze dell’ampio numero di rappresentanti diplomatici e consolari. Si informa, altresì, che in capo al diplomatico sono state prontamente avviate le verifiche del caso, propedeutiche all’adozione dei provvedimenti opportuni.                                            San Marino, 30 agosto 2017/1716 d.f.R. 2017-09-20itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari Esteri