Segreteria di Stato per gli Affari Esteri - Repubblica di San Marinohttp://www.esteri.sm/on-line/rss.jsp?instance=2&channel=1000002&idArticleLevel=1000010&size=10&idXsl=3&node=1000042Notizie e comunicati della Segreteria di Stato per gli Affari EsteriPosizione di San Marino verso la Turchiahttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010272.html La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri, alla luce della grave situazione in Turchia a seguito del recente tentativo di colpo di stato, di cui il Segretario di Stato Valentini ha riferito in apertura della più recente sessione consiliare, rende nota la posizione tenuta da San Marino nelle diverse sedi internazionali presso le quali si svolge il relativo dibattito, vengono emesse dichiarazioni e adottate decisioni. A tal riguardo, nella giornata di mercoledì 20 luglio, la stessa Segreteria di Stato ha confermato e inoltrato la propria posizione di allineamento alla Dichiarazione dell’Unione Europea sulla Turchia, presentata nell’ambito della riunione del Consiglio Permanente OSCE di giovedì scorso a Vienna. L’UE condanna fermamente il colpo di stato, reitera il pieno sostegno alle legittime istituzioni del Paese e richiede la piena osservanza dell’ordine costituzionale turco, nel rispetto di tutte le istituzioni democratiche del Paese. Nell stessa dichiarazione, l’UE rileva l‘alto numero di vittime e si stringe al popolo turco, sollecitando il termine delle violenze e il ripristino della calma. In tale ambito, San Marino ha seguito l’ampio ed articolato dibattito che ha visto, tra l’altro, la Turchia esprimere la forte preoccupazione per la gravità della situazione al suo interno, reiterando la propria volontà di agire e proseguire nel rispetto dei diritti fondamentali della libertà e dello stato di diritto, ed affermando di aver abolito la pena di morte e di non voler fare passi indietro. Allo stesso modo, si sta seguendo da vicino e si partecipa alle attività del Consiglio d’Europa, che si richiamano al rispetto dei diritti umani e delle regole democratiche, opponendosi fermamente alla possibilità di ripristinare la pena di morte e di adottare trattamenti inumani e degradanti eventualmente previsti dalla repressione in atto. Tutti gli organismi dell’Organizzazione di Strasburgo hanno emesso proprie dichiarazioni di condanna del tentativo di colpo di stato ed il Presidente del Comitato dei Ministri ha sottolineato, tra l’altro, la disponibilità del Consiglio d’Europa per continuare ad assistere la Turchia sulla base dei principi della democrazia, dei diritti dell’uomo e dello stato di diritto. La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri, alla luce della perdurante grave situazione e tenuto conto dell’ introduzione dello stato di emergenza per tre mesi, raccomanda ai propri connazionali che a qualunque titolo si trovassero nell’intera regione, la massima cautela negli spostamenti, la necessità di portare sempre con sé un valido documento di riconoscimento ed eventuali titoli di soggiorno in Turchia, nonché la necessità di tenersi sempre informati sui media internazionali e locali sugli sviluppi della situazione. San Marino, 22 luglio 2016/1715 d.f.R. 2016-08-30itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriServizio Sentinella e cambio della Guardia a Palazzo Pubblicohttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010254.html La Segreteria di Stato agli Affari Esteri comunica che da lunedì 25 luglio 2016 sarà attivo il tradizionale servizio di Sentinella e Cambio della Guardia presso Palazzo Pubblico. Lo stabilisce una delibera del Congresso di Stato adottata nella seduta del 19 luglio u.s. con la quale si autorizza che tale servizio venga attivato dal Comando della Guardia di Rocca con il supporto dei Corpi Militari Volontari e nello specifico della Compagnia d’Artiglieria della Guardia di Rocca. L’attivazione del servizio è stato possibile dopo un periodo di addestramento eseguito dal Comando della Guardia di Rocca a partire dal 12 luglio u.s.. A tale soluzione si è giunti, in accordo con il Comando Superiore delle Milizie e con il Comando della Guardia di Rocca, per non procedere con il reclutamento temporaneo di nuovi allievi nello stesso periodo in cui si stavano completando le procedure per attivare nuovi arruolamenti nei tre Corpi di Polizia.   San Marino, 20 luglio 2016/1715 d.f.R. 2016-08-30itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriCordoglio attentato terroristico a Nizzahttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010233.html La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri ha indirizzato questa mattina, attraverso i canali diplomatici, i messaggi di cordoglio degli Ecc.mi Capitani Reggenti Gian Nicola Berti e Massimo Andrea Ugolini e, a nome del Governo, del Segretario di Stato per gli Affari Esteri Pasquale Valentini, a distanza di poche ore dall’atroce attentato che, aggredendo barbaramente la Città di Nizza, ha nuovamente colpito la Francia e tutti i membri della comunità internazionale che si richiamano ai valori fondanti la civile convivenza e che oppongono il netto rifiuto ad ogni forma di intolleranza, di odio e di violenza. I Capitani Reggenti hanno voluto prontamente esprimere i sentimenti di profondo cordoglio per il vile attacco che ha sconvolto la città di Nizza provocando la morte e il ferimento di tante vittime innocenti ed hanno ribadito con forza il proprio sdegno e la propria ferma e risoluta condanna. La Reggenza si è poi così rivolta al Presidente François Hollande: “Nel rinnovarLe i sentimenti di sincera e forte amicizia che da sempre uniscono i nostri Stati, voglia accogliere, Signor Presidente, da parte Nostra, delle Istituzioni e del Popolo della Repubblica di San Marino i sensi della commossa partecipazione e solidarietà che La preghiamo di estendere al Popolo francese e alle famiglie delle tante vittime, così duramente provate in questo momento”. Dal Segretario di Stato Valentini sono state indirizzate al Ministro degli Esteri francese, Jean-Marc Ayrault, tra l’altro, le seguenti espressioni: “Non possiamo non sentirci oggi più uniti e solidali nella lotta al terrorismo che, accanendosi particolarmente nel Suo Paese, chiede di rafforzare la coesione all’interno dell’ Europa e dell’intera comunità internazionale, indirizzata a consolidare l’impegno per fermare quest’ondata di terrore che non può e non deve trovar dimora alcuna nei sistemi che amano la libertà e la pace”. San Marino, 15 luglio 2016/1715 d.f.R. 2016-08-30itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriStage presso Missioni Permanente di San Marinohttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010234.html La Segreteria di Stato agli Affari Esteri informa che nel periodo settembre/dicembre 2016 verranno attivati stage non retribuiti rivolti a giovani sammarinesi presso alcune Missioni Permanenti di San Marino all’estero. I tirocini hanno l’obiettivo di offrire una conoscenza diretta delle attività svolte dalle Missioni sammarinesi nelle sedi internazionali e delle attività delle Organizzazioni Internazionali stesse. Nello specifico si tratta di due tirocini presso la sede di Vienna (Ambasciata e Missione Permanente presso l’ONU, l’OSCE, il CTBTO e l’AIEA), uno presso la sede di New York (Missione Permanente presso l’ONU) e uno presso la sede di Roma (Ambasciata e Missione Permanente presso la FAO). I requisiti richiesti sono i seguenti: - cittadinanza sammarinese; - ottima conoscenza della lingua inglese; - laurea o iscrizione a un corso universitario (a partire dal III anno), preferibilmente in giurisprudenza, economia, scienze politiche o scienze diplomatiche; - conoscenza delle Organizzazioni Internazionali; - conoscenza dei principali strumenti informatici. Gli interessati potranno inviare la propria candidatura via email all’indirizzo dipartimentoaffariesteri@pa.sm entro il 12 agosto 2016. Alla domanda dovranno essere allegati il curriculum vitae et studiorum, eventuali certificazioni linguistiche, una lettera motivazionale e l’indicazione della sede o delle sedi per le quali si presenta la candidatura. La valutazione delle candidature avverrà tramite l’esame delle domande e, se necessario, di un colloquio, che potrà avvenire anche a distanza. Per ulteriori informazioni rivolgersi al Dipartimento Affari Esteri (tel. 0549 88 21 56). San Marino, 15 luglio 2016/1715 d.f.R. 2016-08-30itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriXXXVI edizione dei Soggiorni Culturali al viahttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010190.html Si aprirà domani mattina, presso la Scuola Elementare di Città, la XXXVI edizione dei Soggiorni Culturali Estivi per giovani sammarinesi residenti all’estero. 27 i partecipanti, di età compresa fra i 18 e i 28 anni, provenienti da Stati Uniti, Argentina e Francia. Per alcuni di essi si tratta della prima esperienza, per altri invece è un ritorno nel luogo che ha dato le origini ai propri familiari e che definisce la loro identità di cittadini sammarinesi. Rispetto agli anni passati, nessuno dei partecipanti proviene dall’Italia o dal Belgio, ovvero da due dei cinque Paesi che ospitano le Comunità sammarinesi. Nelle tre settimane di permanenza a San Marino, i giovani avranno modo di avvicinarsi alla lingua italiana, alla storia, alle istituzioni, alla cultura e alle tradizioni della terra d’origine dei loro antenati. Incontreranno i rappresentanti delle principali associazioni di categoria, sindacali e sportive; saranno guidati da funzionari dello Stato alla scoperta del patrimonio museale e artistico del territorio. Ciò consentirà loro di avere una visione completa delle molteplici realtà che compongono il nostro Stato e di conoscere le principali sedi delle Istituzioni. Presentati dal Segretario di Stato agli Affari Esteri, i giovani saranno ricevuti in Udienza dagli Ecc.mi Capitani Reggenti mercoledì 13 luglio. L’incontro con la più alta carica dello Stato sarà certamente occasione per rafforzare il legame con la patria d’origine: un momento solenne per sentirsi ancor di più cittadini di un’antica Repubblica che, seppur modesta nelle dimensioni, poggia su valori e tradizioni che la rendono grande al mondo e che ne caratterizzano la sua sovranità. La gran parte dei giovani che negli anni ha preso parte a questa iniziativa ha raggiunto un alto livello di scolarizzazione e importanti incarichi lavorativi e sociali nei rispettivi Paesi di provenienza. La stessa permanenza in Repubblica ha certamente contribuito ad arricchire la loro formazione culturale e linguistica. Lo scambio è senza dubbio reciproco: San Marino sa di poter contare su un nutrito gruppo di cittadini che degnamente possono rappresentarlo nel mondo. I Soggiorni Culturali si protrarranno fino al 26 luglio prossimo. San Marino, 5 luglio 2016/1715 d.f.R. 2016-08-30itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriMessaggi di vicinanza e cordoglio a Italia, Iraq e Bangladeshhttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010192.html Più di un Paese in questi giorni si trova a dover affrontare le tristi conseguenze di attacchi terroristici che, oltre ad aver ferito in maniera profonda le città e gli abitanti, hanno inflitto nuovi duri colpi alla Comunità degli Stati, rinnovando una forte preoccupazione per il futuro. Nei messaggi di cordoglio indirizzati rispettivamente all’Iraq e al Bangladesh, il Segretario di Stato agli Affari Esteri, Pasquale Valentini, ha scritto: “L’escalation di inaudita violenza terroristica pare non abbia più confini e si scateni principalmente laddove la Comunità Internazionale tenta di riappropriarsi di una difficile quotidianità”. Ancora una volta sono stati colpiti al cuore “i principi della convivenza fra popoli in uno strappo di civiltà che assume connotazioni sempre più preoccupanti”. Valentini, nell’esprimere la vicinanza e la solidarietà anche del Governo e del Popolo sammarinesi per la perdita di così tante vite umane, ha voluto riconfermare la posizione ferma di San Marino, il netto rifiuto della violenza insieme all’impegno volto a lottare contro la piaga del terrorismo: “Il mio Paese è pronto a combattere con la forza dei suoi ideali di pace e libertà per difendere i principi della coesistenza pacifica e del dialogo”. Infine, attraverso una nota al Collega Paolo Gentiloni, il Responsabile della politica estera sammarinese ha rivolto “sentimenti di cordoglio e di fraterna solidarietà all’amica Nazione Italiana, per la perdita di nove suoi concittadini in modalità crudeli nell’attentato di Dacca”. Una vicinanza che si esprime nella comune lotta contro la piaga del terrorismo, in nome di tutti quegli Stati che rifiutano la violenza e lottano per l’affermazione della convivenza civile e democratica. San Marino, 4 luglio 2016/1715 d.f.R. 2016-08-30itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriAdottato il II Rapporto di Conformità del GRECO: San Marino modello virtuoso da seguirehttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010194.html La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri e Politici e la Segreteria di Stato per gli Affari Interni e Giustizia comunicano che nella giornata odierna il Gruppo di Stati contro la Corruzione (GRECO) del Consiglio d’Europa ha adottato, in occasione della sua 72ª riunione plenaria in corso di svolgimento a Strasburgo e alla presenza di una rappresentanza del Gruppo di lavoro inter-dipartimentale sammarinese, il Secondo Rapporto di Conformità sul Primo e Secondo Ciclo di Valutazione congiunti su San Marino. Tale Rapporto fornisce un’analisi approfondita delle pendenti raccomandazioni formulate in occasione dell’adozione del Primo Rapporto di Conformità nel giugno 2014. L’esame si è concluso in maniera estremamente positiva per la Repubblica di San Marino, essendo stato riconosciuto il grande impegno profuso dagli Organi politici e tecnici sammarinesi che hanno operato in efficace sinergia nel percorso di attuazione delle raccomandazioni e di allineamento agli standard del Consiglio d’Europa in materia di contrasto alla corruzione, mostrando una forte volontà politica di adeguamento ai parametri internazionali in materia. Il Segretariato e il Presidente del GRECO hanno dato atto della convinzione con la quale la Repubblica ha intrapreso in un breve lasso temporale un’azione incisiva, organica ed esemplare nell’attuazione delle sedici raccomandazioni formulate al Paese che sono state ritenute tutte recepite in maniera completa e pienamente soddisfacente. Il risultato conseguito dalla Repubblica di San Marino è stato espressamente qualificato dal Presidente del GRECO come “ammirevole” e lo stesso Presidente ha indicato all’Assemblea la Repubblica quale modello di Paese virtuoso nell’attività di miglioramento del proprio ordinamento e di attivazione di iniziative volte, in maniera trasversale, ad incidere negli ambiti sociale, giuridico e, particolarmente, amministrativo del Paese in un’ottica di lotta e, soprattutto, prevenzione dei fenomeni corruttivi. E’ stato, in particolare, apprezzato il percorso sviluppato in materia di trasparenza dell’Amministrazione e di conoscibilità della documentazione amministrativa, l’adozione di Piani di intervento per la valutazione del rischio di corruzione nel Settore Pubblico Allargato e, in particolare, nel settore delle autorizzazioni e concessioni edilizie, l’introduzione di misure a protezione dei segnalanti di condotte potenzialmente corruttive sia in ambito extraprocessuale che in quello processuale, l’implementazione delle attività formative e informative promosse all’interno dell’Amministrazione, delle Forze di Polizia, della Magistratura e degli Ordini Professionali, l’approvazione di norme volte a contrastare e reprimere le condotte illecite. L’esito dell’esame di conformità conclusivo del Primo e Secondo Ciclo di Valutazione congiunti è indubbiamente motivo di orgoglio per il Governo e per l’Amministrazione che hanno visto riconosciuti, a livello europeo, la qualità e l’appropriatezza degli interventi e delle iniziative attuati nel corso della corrente legislatura con il conseguimento di un risultato finora mai raggiunto da alcun Paese aderente al GRECO sottoposto a doppio ciclo di valutazione congiunta. Tale risultato rappresenta, inoltre, uno stimolo a proseguire con eguale attenzione e sensibilità nei successivi cicli di valutazione - a partire dal terzo ciclo appena avviato - cui la Repubblica sarà sottoposta in un percorso sistematico e continuo di crescita culturale, di adeguamento ordinamentale e di affinamento delle prassi applicative nel contrasto alla corruzione. Secondo la prassi del GRECO, il Rapporto sarà tempestivamente reso pubblico e diffuso tramite apposita deliberazione del Congresso di Stato. San Marino, 30 giugno 2016/1715 d.f.R. 2016-08-30itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriMessaggio di cordoglio per l'ennesima strage di sangue in Turchiahttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010195.html In data odierna il Segretario di Stato per gli Affari Esteri ha indirizzato il seguente messaggio di cordoglio al Collega della Turchia, all’indomani dell’attacco terroristico che ha colpito l’Aeroporto Internazionale di Ataturk, e ferendo nuovamente un Paese già fortemente provato. “Signor Ministro, all’indomani dell’attacco brutale e feroce che ha colpito un centro di comunicazione europeo nevralgico, determinando numerose vittime e feriti, a nome del Governo sammarinese e mio personale, La prego di accogliere i sentimenti di piena e solidale partecipazione al nuovo lutto del Suo Paese. Le doverose attestazioni di cordoglio, in questo momento, servono a far comprendere il valore dell’umana solidarietà a fronte delle inqualificabili azioni terroristiche che rinnegano e calpestano ogni forma di rispetto della vita umana, ricadendo su vittime innocenti e diffondendo una sorta di cultura del terrore. Il rinnovato auspicio della Comunità internazionale che si riconosce nella ferma condanna e nel rifiuto totale di ogni forma di inaudita violenza, di cui la Repubblica di San Marino è parte a pieno titolo, è volto a richiamare la necessità che Istituzioni e Autorità Turche e internazionali possano rapidamente assicurare alla giustizia coloro che si sono macchiati di tali crimini, nell’obiettivo di rinsaldare il fondamento della democrazia che risiede nella promozione delle libertà, della pace e dei diritti. In questo spirito, Signor Ministro, e nel pensiero commosso per il dolore delle Famiglie delle vittime, La prego di credere ai sentimenti di amicizia, di stima e di solidale vicinanza del Governo sammarinese e miei personali”. Si rende noto che la Segreteria di Stato è in contatto con il Consolato Generale sammarinese a Istanbul, il cui Console Generale ha ribadito la necessità, per i cittadini sammarinesi, di attenersi alle precauzioni massime nell’intera regione, rendendosi altresì disponibile per ogni utile informazione. San Marino, 30 giugno 2016/1715 d.f.R. 2016-08-30itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriNuovi incontri di alto livello per la Reggenza e il Segretario Valentinihttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010193.html Continua la Visita di Stato della Reggenza in Albania che, nella giornata di ieri, accompagnata dal Segretario di Stato Valentini, ha proseguito gli incontri di alto livello istituzionale in programma e ha incontrato il Presidente del Parlamento Nazionale, Ilir Meta, nell’ambito della Colazione Ufficiale da questi offerta alla presenza di una rappresentanza parlamentare albanese. Insieme ci si è confrontati sull’attività e sul funzionamento degli organismi parlamentari dei due Paesi e sono stati affrontati i temi salienti delle rispettive agende, in particolare quelli incentrati sul processo di riforme in corso, così come sulle comuni sfide cui gli organi legislativi dei due Stati sono chiamati a confrontarsi nel più ampio contesto internazionale. Il Presidente del Parlamento ha richiamato il valore e il significato per il Popolo albanese della figura del patriota Giorgio Castriota, che nella lotta per l’indipendenza del Paese, difese strenuamente i principi di un’identità storica e politica che tuttora ispirano le azioni dell’Albania a livello interno e internazionale. La serata di ieri si è conclusa con un Pranzo Ufficiale offerto ai Capi di Stato dal Presidente della Repubblica di Albania. Nel suo ultimo giorno di permanenza a Tirana, in seguito a un’articolata visita alle principali istituzioni culturali della Capitale albanese e ad una serie di momenti di valore altamente simbolico inseriti in un contesto di alti onori militari, ha avuto luogo oggi un incontro con il Sindaco di Tirana, Erjon Veliaj, che ha fatto dono delle chiavi della città conferendo ai Capi di Stato sammarinesi la cittadinanza onoraria. San Marino, 25 giugno 2016/1715 d.f.R. 2016-08-30itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari EsteriLa Reggenza e il Segretario di Stato a colloquio con il Presidente della Repubblica d'Albaniahttp://www.esteri.sm/on-line/home/news/articolo1010191.html Si è appena conclusa la mattinata di incontri degli Ecc.mi Capitani Reggenti Gian Nicola Berti e Massimo Andrea Ugolini, oggi in Visita di Stato a Tirana. La Reggenza ha incontrato il Presidente della Repubblica d’Albania, Bujar Nishani, dapprima in forma bilaterale e in seguito allargata alle rispettive delegazioni. Si è trattato di un colloquio che ha confermato l’eccellenza delle relazioni ufficiali, a quarant’anni dal loro stabilimento al più alto livello diplomatico. La Reggenza ha sottolineato il ruolo e il peso crescente di tale rapporto, che si è progressivamente esteso a forme di cooperazione nel più ampio contesto multilaterale, soprattutto europeo. A tal riguardo è stata approfondito il percorso di integrazione che entrambi gli Stati stanno compiendo, con obiettivi differenti, ma con la comune volontà di entrare a far parte del Mercato Unico. Argomenti ribaditi nell’ambito di una conferenza stampa convocata dalla Presidenza albanese, durante la quale i Capi di Stato hanno così dichiarato: “Entrambi gli Stati sono ora seriamente impegnati in un processo di integrazione che richiede ingenti risorse, energie e competenze nella definizione del rispettivo status giuridico. […] I relativi percorsi sottendono il perseguimento di importanti riforme interne e la promozione di misure volte a favorire una maggiore cooperazione regionale e internazionale”. La Dichiarazione ha rimarcato altresì i capisaldi della collaborazione, i sentimenti di amicizia e di vicinanza delle Istituzioni e del Popolo sammarinesi all’amica Nazione albanese e il desiderio di implementare una più proficua cooperazione per l’ulteriore sviluppo politico, economico e sociale dei due Popoli. Così i Capitani Reggenti: “Nell’attuale complesso contesto globale, il percorso di edificazione della grande famiglia europea, cui San Marino e Albania hanno il desiderio di contribuire, può rappresentare una fonte di ispirazione nella collaborazione bilaterale e nell’azione congiunta svolta nel più ampio contesto multilaterale”. Il Presidente della Repubblica ha manifestato, tra l’altro, “la volontà del Governo di promuovere la cooperazione bilaterale, specialmente nel settore del turismo, della cultura, ma anche in altri settori di reciproco interesse [...] esplorando la possibilità di firmare nuovi accordi e creare opportunità per le imprese sammarinesi”, anche attraverso l’organizzazione di business forum congiunti. Da parte del Presidente sono pervenuti cenni di apprezzamento per “la posizione di San Marino a sostegno dell’indipendenza del Kosovo, come contributo concreto per la pace, la stabilità e il progresso nei Balcani”. Il Segretario di Stato agli Affari Esteri, Pasquale Valentini, che ha accompagnato la delegazione, ha inoltre avuto modo di intrattenersi a colloquio con il collega albanese, al quale ha riconfermato la volontà di procedere al perfezionamento delle intese bilaterali tuttora in corso, esprimendo altresì la piena disponibilità a sostenere i passi dell’amica Nazione albanese nel più ampio contesto internazionale. San Marino, 24 giugno 2016/1715 d.f.R. 2016-08-30itNome responsabileReferenzaKeywordsSegreteria di Stato per gli Affari Esteri