Utente non loggato
it en
Home | Dipartimento
Organi per la lotta al terrorismo internazionale

Nella consapevolezza che il terrorismo internazionale costituisce una delle minacce più gravi alla pace e alla sicurezza mondiale, ai diritti fondamentali dell’uomo, allo stato di diritto e all’ordinamento democratico dei Paesi, la Repubblica di San Marino ha da tempo assunto obblighi e intrapreso un virtuoso percorso volti alla prevenzione e al contrasto di tale fenomeno in tutte le sue forme e manifestazioni, in linea con gli standard internazionali in materia.

Commissione Permanente Antiterrorismo

Una tappa importante di questo percorso è stata l’istituzione, con Legge 31 gennaio 2019 n.  21, di organismi che fossero specificatamente impegnati nella lotta al terrorismo internazionale, fra cui la Commissione Permanente Antiterrorismo

Essa è composta dal Direttore del Dipartimento Affari Esteri, che ne coordina i lavori, dal Direttore del Dipartimento Affari Istituzionali e Giustizia, dal Direttore del Dipartimento Finanze e Bilancio, dal Comandante del Corpo della Gendarmeria, dal Comandante del Corpo della Polizia Civile, dal  Comandante del Corpo della Guardia di Rocca – Nucleo Uniformato, dal Capo della Protezione Civile e dal Direttore dell’Ufficio Centrale Nazionale Interpol. 

Alla Commissione è affidato il compito di discutere e analizzare le tematiche relative al fenomeno del terrorismo internazionale, sulla base delle informazioni di cui i membri dispongono, nonché degli studi e sviluppi elaborati sul tema nelle competenti sedi nazionali e internazionali.

La Commissione è altresì incaricata della redazione della Strategia e del Piano Nazionale di Sicurezza sul Terrorismo, con i quali sono definite le linee di azione in materia di perseguimento, prevenzione, protezione e reazione al fenomeno terroristico internazionale. Qualora, alla luce della discussione condotta in seno alla Commissione medesima, le linee di azione non possano più ritenersi attuali o adeguate allo scenario nazionale e internazionale, la Commissione aggiorna la Strategia e/o il Piano Nazionale di Sicurezza sul Terrorismo e apporta ad essi le opportune modifiche, che sono approvate dal Congresso di Stato.

Comitato per le Misure Restrittive (CMR)

Un altro organismo che riveste cruciale rilevanza per l’azione di San Marino volta a contrastare il terrorismo, l’attività di Paesi che minacciano la pace e la sicurezza internazionale, la proliferazione delle armi di distruzione di massa e il loro finanziamento e a consentire una rapida attuazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, nell’ottica altresì del progressivo allineamento agli standard GAFI, è il Comitato per le Misure Restrittive (CMR), istituito con Legge 29 marzo 2019 n.57

Il CMR, presieduto dal Direttore del Dipartimento Affari Esteri, è composto dal Direttore del Dipartimento Affari Istituzionali e Giustizia, dal Direttore del Dipartimento Finanze e Bilancio, dai Comandanti delle Forze di Polizia, dal Direttore dell’UCN-Interpol e Ufficio per il recupero dei beni (ARO) e dal Direttore dell’Agenzia di Informazione Finanziaria. 

Il CMR è l’autorità competente ai fini delle designazioni, nazionali ed internazionali, di individui, gruppi o entità al fine della loro iscrizione nelle liste mantenute e aggiornate dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (o da suo Comitato) e nella lista nazionale, per consentire l’attuazione di misure restrittive, di natura finanziaria e riguardanti divieti di transito o embarghi, riservando una peculiare attenzione alle cdd. misure di congelamento (targeted financial sanctions) dei beni o fondi appartenenti a coloro che a vario titolo risultano collegati ad attività di matrice terroristica o di proliferazione delle armi di distruzione di massa e del loro finanziamento. Il CMR è altresì l’autorità competente per la cancellazione dei nominativi dalle liste e la revoca delle suddette misure. 

Nell’espletamento delle sue funzioni, il Comitato collabora, tramite la richiesta di dati, informazioni o esibizione o consegna di atti o documenti, con l’Autorità giudiziaria, l’Autorità di polizia, l’Ufficio Centrale Nazionale Interpol, l’Agenzia di Informazione Finanziaria, le Amministrazioni pubbliche nazionali, e con le omologhe autorità estere. Il CMR collabora altresì con la Commissione Tecnica di Coordinamento Nazionale, di cui all’articolo 15 bis della Legge 17 giugno 2008 n.92 e successive modifiche e integrazioni.

Inoltre, il CMR è l’autorità competente ad avanzare verso l’estero, nonché a ricevere da omologhe autorità estere, richieste di congelamento di beni o fondi nei confronti di individui o entità inseriti nella lista nazionale, e, in attuazione delle disposizioni della risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite 1373, ricopre l’importante ruolo di organismo atto a rafforzare la cooperazione nazionale fra Istituzioni, autorità e uffici, e di potenziare la collaborazione internazionale in materia di prevenzione e contrasto dei fenomeni, con l’obiettivo di combattere le attività criminose e di assicurare la pace e la sicurezza internazionali.

Misure restrittive del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Al fine di contrastare il terrorismo e il suo finanziamento, nella consapevolezza che il fenomeno terroristico in tutte le sue forme e manifestazioni costituisce una delle minacce più gravi alla pace e alla sicurezza globali, la Repubblica di San Marino da anni si è attivata per recepire nel proprio ordinamento le misure restrittive adottate con Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite nei confronti di individui, gruppi e imprese associati ad organizzazioni e di Paesi che alimentano e supportano il terrorismo e il suo finanziamento, nonché gli aggiornamenti alle liste di persone fisiche e giuridiche oggetto delle suddette misure restrittive, redatte e costantemente aggiornate dai vari Comitati istituiti dal Consiglio di Sicurezza.

 

Tali misure comprendono:
• il congelamento dei fondi e delle risorse economiche detenute o controllate, direttamente o indirettamente, da persone, enti o gruppi inclusi nelle liste predisposte dagli appositi Comitati delle Nazioni Unite;
• le restrizioni di natura commerciale, incluse quelle commerciali all’importazione o all’esportazione e gli embarghi sulle armi;
• le restrizioni di natura finanziaria, inclusa l’assistenza finanziaria e il divieto alla prestazione di servizi finanziari;
• le restrizioni di altra natura, incluse le restrizioni all’assistenza tecnica, il divieto di viaggio, il divieto di ingresso o di transito, le sanzioni diplomatiche e la sospensione della cooperazione.

Liste del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

E' possibile visionare le delibere e le modifiche alle liste qui di seguito.

 

Comitato delle sanzioni 751 (1992) - Somalia

Delibere

Delibera n. 9 del 04.02.2020

Aggiornamenti

The List established and maintained pursuant to Security Council res. 751 (1992)

- Rif. SCA/1/21 (02) del 26.02.2021 pubblicato il 01.03.2021

 

Lista delle Sanzioni 2231 (2015) - Iran

Delibere

Delibera 15 luglio 2019 n.2

Aggiornamenti

Comunicazione del 17.01.2016 pubblicata il 18.01.2016

Comunicazione del 19.01.2016 pubblicata il 20.01.2016

 

Comitato delle Sanzioni 1518 (2003) - Iraq

Delibere

Delibera n.1 del 06.03.2017

Aggiornamenti

- Rif. SCA/12/17 (03) del 08.03.2017 pubblicato il 10.03.2017

- Rif. SCA/12/17 (04) del 24.11.2017 pubblicato il 28.11.2017

- Rif. SCA/12/18 (01) del 07.06.2018 pubblicato il 08.06.2018

- Rif. SCA/12/18 (02) del 05.07.2018 pubblicato il 06.07.2018

- Rif. SCA/12/18 (03) del 13.07.2018 pubblicato il 16.07.2018

- Rif. SCA/12/18 (04) del 23.07.2018 pubblicato il 24.07.2018

- Rif. SCA/12/18 (05) del 07.08.2018 pubblicato il 08.08.2018

- Rif. SCA/12/18 (06) del 28.08.2018 pubblicato il 29.08.2018

- Rif. SCA/12/18 (07) del 19.09.2018 pubblicato il 21.09.2018

- Rif. SCA/12/18 (08) del 24.09.2018 pubblicato il 25.09.2018

- Rif. SCA/12/18 (09) del 28.09.2018 pubblicato il 03.10.2018

- Rif. SCA/12/18 (10) del 01.10.2018 pubblicato il 03.10.2018

- Rif. SCA/12/18 (11) del 02.11.2018 pubblicato il 06.11.2018

- Comunicazione del 13.11.2018 pubblicata il 14.11.2018

- Rif. SCA/12/18 (13) del 27.12.2018 pubblicato il 28.12.2018

- Rif. SCA/12/19 (01) del 08.01.2019 pubblicato il 09.01.2019

- Rif. SCA/12/19 (02) del 29.01.2019 pubblicato il 30.01.2019

- Rif. SCA/12/19 (03) del 13.03.2019 pubblicato il 14.03.2019

- Rif. SCA/12/19 (04) del 04.04.2019 pubblicato il 05.04.2019

- Rif. SCA/12/19 (05) del 08.04.2019 pubblicato il 09.04.2019

- Rif. SCA/12/19 (06) del 14.05.2019 pubblicato il 15.05.2019

- Rif. SCA/12/19 (07) del 24.06.2019 pubblicato il 01.07.2019

- Rif. SCA/12/19 (08) del 28.06.2019 pubblicato il 01.07.2019

- Rif. SCA/12/19 (09) del 30.10.2019 pubblicato il 20.12.2019

- Rif. SCA/12/20 (01) del 02.01.2020 pubblicato il 03.01.2020

- Rif. SCA/1/20 (25) del 01.12.2020 pubblicato il 04.12.2020

- Rif. SCA/1/20 (27) del 16.12.2020 pubblicato il 17.12.2020

- Rif. SCA/12/21 (01) del 18.01.2021 pubblicato il 19.01.2021

- Rif. SCA/12/21 (04) del 08.09.2021 pubblicato il 09.09.2021

- Rif. SCA/12/21 (05) del 21.09.2021 pubblicato il 22.09.2021

 

Comitato delle Sanzioni 1267 (1999), 1989 (2011) e 2253 (2015) - ISIL (Da'esh), Al-Qaida e individui, gruppi, imprese ed entità associati

Delibere

- Delibera n.2 del 06.10.2008

- Delibera n. 5 del 27.07.2015

- Delibera n.2 del 23.12.2015

- Delibera n. 9 del 28 agosto 2017

Aggiornamenti

- Rif. SCA/2/15 (45) del 30.12.2015 pubblicato il 04.01.2016

- Rif. SCA/2/16 (01) del 11.01.2016 pubblicato il 13.01.2016

- Rif. SCA/2/16 (05) del 11.02.2016 pubblicato il 12.02.2016

- Rif. SCA/2/16 (06) del 23.02.2016 pubblicato il 24.02.2016

- Rif. SCA/2/16 (07) del 29.02.2016 pubblicato il 01.03.2016

- Rif. SCA/2/16 (10) del 28.03.2016 pubblicato il 04.04.2016

- Rif. SCA/2/16 (12) del 20.04.2016 pubblicato il 21.04.2016

- Rif. SCA/2/16 (15) del 20.06.2016 pubblicato il 21.06.2016

- Rif. SCA/2/16 (16) del 24.06.2016 pubblicato il 29.06.2016

- Rif. SCA/2/16 (18) del 05.07.2016 pubblicato il 06.07.2016

- Rif. SCA/2/16 (19) del 15.07.2016 pubblicato il 18.07.2016

- Rif. SCA/2/16 (20) del 03.08.2016 pubblicato il 04.08.2016

- Rif. SCA/2/16 (21) del 22.08.2016 pubblicato il 23.08.2016

- Rif. SCA/2/16 (23) del 14.09.2016 pubblicato il 15.09.2016

- Rif. SCA/2/16 (24) del 26.09.2016 pubblicato il 27.09.2016

- Rif. SCA/2/16 (25) del 11.10.2016 pubblicato il 12.10.2016

- Rif. SCA/2/16 (26) del 11.10.2016 pubblicato il 12.10.2016

- Rif. SCA/2/16 (27) del 25.10.2016 pubblicato il 26.10.2016

- Rif. SCA/2/16 (29) del 12.12.2016 pubblicato il 13.12.2016

- Rif. SCA/2/17 (03) del 18.01.2017 pubblicato il 19.01.2017

- Rif. SCA/2/17 (04) del 03.02.2017 pubblicato il 06.02.2017

- Rif. SCA/2/17 (05) del 15.02.2017 pubblicato il 20.02.2017

- Rif. SCA/2/17 (06) del 22.02.2017 pubblicato il 23.02.2017

- Rif. SCA/2/17 (08) del 16.03.2017 pubblicato il 17.03.2017

- Rif. SCA/2/17 (09) del 21.03.2017 pubblicato il 28.03.2017

- Rif. SCA/2/17 (10) del 29.03.2017 pubblicato il 30.03.2017

- Rif. SCA/2/17 (11) del 30.03.2017 pubblicato il 31.03.2017

- Rif. SCA/2/17 (12) del 08.04.2017 pubblicato il 11.04.2017

- Rif. SCA/2/17 (14) del 28.04.2017 pubblicato il 04.05.2017

- Rif. SCA/2/17 (15) del 01.05.2017 pubblicato il 04.05.2017

- Rif. SCA/2/17 (16) del 07.06.2017 pubblicato il 08.06.2017

- Rif. SCA/2/17 (17) del 16.06.2017 pubblicato il 19.06.2017

- Rif. SCA/2/17 (19) del 03.07.2017 pubblicato il 04.07.2017

- Rif. SCA/7/17 (20) del 06.07.2017 pubblicato il 07.07.2017

- Rif. SCA/2/17 (21) del 21.07.2017 pubblicato il 24.07.2017

- Rif. SCA/2/17 (22) del 20.07.2017 pubblicato il 21.07.2017

- Rif. SCA/2/17 (23) del 21.07.2017 pubblicato il 24.07.2017

- Rif. SCA/2/17 (25) del 28.07.2017 pubblicato il 01.08.2017

- Rif. SCA/2/17 (26) del 09.08.2017 pubblicato il 11.08.2017

- Rif. SCA/2/17 (28) del 18.08.2017 pubblicato il 21.08.2017

- Rif. SCA/2/17 (29) del 28.08.2017 pubblicato il 31.08.2017

- Rif. SCA/2/17 (30) del 12.09.2017 pubblicato il 13.09.2017

- Rif. SCA/2/17 (32) del 25.09.2017 pubblicato il 26.09.2017

- Rif. SCA/2/17 (33) del 04.10.2017 pubblicato il 06.10.2017

- Rif. SCA/2/17 (35) del 20.11.2017 pubblicato il 21.11.2017

- Rif. SCA/2/17 (36) del 26.12.2017 pubblicato il 08.01.2018

- Rif. SCA/2/18 (01) del 14.02.2018 pubblicato il 16.02.2018

- Rif. SCA/2/18 (02) del 06.03.2018 pubblicato il 07.03.2018

- Rif. SCA/2/18 (11) del 29.03.2018 pubblicato il 30.03.2018

- Rif. SCA/2/18 (12) del 09.05.2018 pubblicato il 10.05.2018

- Rif. SCA/2/18 (14) del 29.05.2018 pubblicato il 30.05.2018

- Rif. SCA/2/18 (15) del 05.06.2018 pubblicato il 06.06.2018

- Rif. SCA/2/18 (15) del 18.06.2018 pubblicato il 19.06.2018

- Rif. SCA/2/18 (16) del 17.07.2018 pubblicato il 18.07.2018

- Rif. SCA/2/18 (18) del 09.08.2018 pubblicato il 13.08.2018

- Rif. SCA/2/18 (19) del 23.08.2018 pubblicato il 24.08.2018

- Rif. SCA/2/18 (23) del 04.10.2018 pubblicato il 05.10.2018

- Rif. SCA/2/18 (24) del 15.10.2018 pubblicato il 16.10.2018

- Rif. SCA/2/18 (25) del 19.11.2018 pubblicato il 20.11.2018

- Rif. SCA/2/19 (01) del 08.02.2019 pubblicato il 11.02.2019

- Rif. SCA/2/19 (03) del 28.02.2019 pubblicato il 04.03.2019

- Rif. SCA/2/19 (04) del 13.03.2019 pubblicato il 14.03.2019

- Rif. SCA/2/19 (06) del 22.03.2019 pubblicato il 26.03.2019

- Rif. SCA/2/19 (07) del 29.03.2019 pubblicato il 01.04.2019

- Rif. SCA/2/19 (08) del 13.04.2019 pubblicato il 15.04.2019

- Rif. SCA/2/19 (09) del 17.04.2019 pubblicato il 19.04.2019

- Rif. SCA/2/19 (10) del 22.04.2019 pubblicato il 23.04.2019

- Rif. SCA/2/19 (11) del 01.05.2019 pubblicato il 06.05.2019

- Rif. SCA/2/19 (15) del 21.05.2019 pubblicato il 21.05.2019

- Rif. SCA/2/19 (18) del 09.08.2019 pubblicato il 12.08.2019

- Rif. SCA/2/19 (20) del 20.08.2019 pubblicato il 27.08.2019

- Rif. SCA/2/19 (22) del 11.10.2019 pubblicato il 14.10.2019

- Rif. SCA/2/19 (23) del 05.11.2019 pubblicato il 25.01.2020

- Rif. SCA/2/20 (01) del 14.01.2020 pubblicato il 20.01.2020

- Rif. SCA/2/20 (02) del 04.02.2020 pubblicato il 07.02.2020

- Rif. SCA/2/20 (03) del 18.02.2020 pubblicato il 25.02.2020

- Rif. SCA/2/20 (04) del 23.02.2020 pubblicato il 25.02.2020

- Rif. SCA/2/20 (06) del 04.03.2020 pubblicato il 05.03.2020

- Rif. SCA/2/20 (07) del 24.03.2020 pubblicato il 07.04.2020

- Rif. SCA/2/20 (09) del 21.05.2020 pubblicato il 22.05.2020

- Rif. SCA/2/20 (11) del 16.07.2020 pubblicato il 17.07.2020

- Rif. SCA/2/20 (15) del 10.09.2020 pubblicato il 30.09.2020

- Rif. SCA/2/20 (16) del 08.10.2020 pubblicato il 12.10.2020

- Rif. SCA/2/21 (04) del 19.02.2021 pubblicato il 23.02.2021

- Rif. SCA/2/21 (05) del 23.02.2021 pubblicato il 24.02.2021

- Rif. SCA/2/21 (06) del 23.03.2021 pubblicato il 23.03.2021

- Rif. SCA/2/21 (07) del 06.04.2021 pubblicato il 08.04.2021

- Rif. SCA/2/21 (14) del 06.09.2021 pubblicato il 07.09.2021

 

Comitato delle Sanzioni 1970 (2011) - Libia

Delibere

- Delibera n.7 del 28.08.2017

Aggiornamenti

- Rif. SCA/13/16 (02) del 01.04.2016 pubblicato il 04.04.2016

- Rif. SCA/13/16 (03) del 27.04.2016 pubblicato il 28.04.2016

- Rif. SCA/13/16 (04) del 12.05.2016 pubblicato il 16.05.2016

- Rif. SCA/13/17 (01) del 21.07.2017 pubblicato il 27.07.2017

- Rif. SCA/13/17 (02) del 02.08.2017 pubblicato il 03.08.2017

- Rif. SCA/13/17 (03) del 20.10.2017 pubblicato il 23.10.2017

- Rif. SCA/13/17 (04) del 31.10.2017 pubblicato il 06.11.2017

- Rif. SCA/13/17 (05) del 27.11.2017 pubblicato il 28.11.2017

- Rif. SCA/13/18 (01) del 18.01.2018 pubblicato il 19.01.2018

- Rif. SCA/13/17 (02) del 26.01.2018 pubblicato il 31.01.2018

- Rif. SCA/13/18 (03) del 02.02.2018 pubblicato il 06.02.2018

- Rif. SCA/13/18 (05) del 18.04.2018 pubblicato il 19.04.2018

- Rif. SCA/13/18 (06) del 29.04.2018 pubblicato il 03.05.2018

- Rif. SCA/13/18 (07) del 07.06.2018 pubblicato il 08.06.2018

- Rif. SCA/13/18 (10) del 11.09.2018 pubblicato il 12.09.2018

- Rif. SCA/13/18 (11) del 17.09.2018 pubblicato il 18.09.2018

- Rif. SCA/13/18 (12) del 16.11.2018 pubblicato il 20.11.2018

- Rif. SCA/13/20 (02) del 25.02.2020 pubblicato il 26.02.2020

 

Comitato delle Sanzioni 2374 (2017) - Mali

Delibere

- Delibera 16 aprile 2018 n.3

Aggiornamenti

- Comunicazione del 20.12.2018 pubblicata il 21.12.2018

- Rif. SCA/1/19 (17) (a) del 09.07.2019 pubblicato il 11.07.2019

- Rif. SCA/1/19 (17) (b) del 09.07.2019 pubblicato il 11.07.2019

- Rif. SCA/1/19 (17) (c) del 09.07.2019 pubblicato il 12.07.2019

- Rif. SCA/1/19 (25) del 19.12.2019 pubblicato il 20.12.2019

- Rif. SCA/1/20 (02) del 19.12.2019 pubblicato il 20.01.2020

 

Comitato delle Sanzioni 2127 (2013) - Repubblica Centrafricana

Delibere

- Delibera 31 luglio 2017 n.4

Aggiornamenti

- Rif. SCA/1/18 (07) del 16.02.2018 pubblicato il 20.02.2018

- Rif. SCA/1/18 (11) del 26.04.2018 pubblicato il 27.04.2018

- Rif. SCA/12/19 (11) del 18.04.2019 pubblicato il 19.04.2019

- Rif. SCA/1/19 (22) del 06.09.2019 pubblicato il 09.09.2019

- Rif. SCA/1/20 (11) del 20.04.2020 pubblicato il 23.04.2020

- Comunicazione del 05.05.2020 pubblicata il 07.05.2020

- Rif. SCA/1/20 (17) del 28.07.2020 pubblicato il 29.07.2020

- Rif. SCA/1/20 (19) del 05.08.2020 pubblicato il 6.08.2020

- Rif. SCA/2/21 (04) del 19.02.2021 pubblicato il 22.02.2021

- Rif. SCA/1/21(01) del 22.02.2021 pubblicato il 23.02.2021

- Rif. SCA/1/21(06) del 05.04.2021 pubblicato il 07.04.2021

 

Comitato delle Sanzioni 1533 (2004) - Repubblica Democratica del Congo

Delibere

- Delibera 31 luglio 2017 n.3

Aggiornamenti

- Rif. SCA/1/18 (05) del 01.02.2018 pubblicato il 06.02.2018

- Rif. SCA/1/20 (07) del 06.02.2020 pubblicato il 25.02.2020

- Rif. SCA/1/20 (08) del 25.02.2020 pubblicato il 26.02.2020

- Rif. SCA/1/20 (20) del 19.08.2020 pubblicato il 30.09.2020

- Rif. SCA/1/20 (24) del 02.11.2020 pubblicato il 10.12.2020

 

Comitato delle Sanzioni 1718 (2006) - Repubblica Popolare Democratica di Corea

Delibere

- Delibera 1 febbraio 2018 n.7

Aggiornamenti

- Rif. SCA/4/16 (12) del 18.12.2016 pubblicato il 20.12.2016

- Rif. SCA/4/17 (10) del 01.06.2017 pubblicato il 02.06.2017

- Rif. SCA/4/17 (11) del 05.06.2017 pubblicato il 06.06.2017

- Rif. SCA/4/18 (03) del 15.02.2018 pubblicato il 16.02.2018

- Rif. SCA/4/18 (04) del 30.03.2018 pubblicato il 03.04.2018

- Rif. SCA/4/18 (07) del 23.05.2018 pubblicato il 24.05.2018

- Rif. SCA/4/18 (11) del 09.07.2018 pubblicato il 11.07.2018

- Rif. SCA/4/18 (05) del 08.08.2018 pubblicato il 09.08.2018

- Rif. SCA/4/18 (16) del 14.09.2018 pubblicato il 18.09.2018

- Rif. SCA/4/18 (18) del 16.10.2018 pubblicato il 17.10.2018

- Rif. SCA/4/20 (3) del 11.05.2020 pubblicato il 14.05.2020

 

Comitato delle Sanzioni 1591 (2005) - Sudan

Delibere

Delibera 5 aprile 2018 n.1

Aggiornamenti

- Rif. SCA/1/21 (03) del 05.03.2021 pubblicato il 08.03.2021

 

Comitato delle sanzioni 1636 (2005) - Libano

Delibere

Delibera n.16 del 30.08.2018

 

Comitato delle Sanzioni 2206 (2015) - Sud Sudan

Delibere

Delibera 30 agosto 2018 n.15

Aggiornamenti

- Rif. SCA/1/16 (27) del 03.11.2016 pubblicato il 04.11.2016

Comunicazione del 13.07.2018 pubblicata il 16.07.2018

- Rif. SCA/1/18 (25) del 21.11.2018 pubblicato il 22.11.2018

- Rif. SCA/1/19 (16) del 25.06.2019 pubblicato il 01.17.2019

 

Comitato delle Sanzioni 1988 (2011) - Talebani

Aggiornamenti

- Rif. SCA/14/16 (01) del 21.07.2016 pubblicato il 22.07.2016

- Rif. SCA/14/16 (02) del 07.09.2016 pubblicato il 08.09.2016

- Rif. SCA/14/16 (04) del 23.12.2016 pubblicato il 27.12.2016

- Rif. SCA/14/17 (01) del 16.02.2017 pubblicato il 20.02.2017

- Rif. SCA/14/18 (01) del 10.04.2018 pubblicato il 12.04.2018

- Rif. SCA/14/19 (01) del 30.01.2019 pubblicato il 31.01.2019

- Rif. SCA/14/20 (08) del 23.12.2020 pubblicato il 12.01.2021

 

Comitato delle Sanzioni 2140 (2014) - Yemen

Delibere

Delibera 20 marzo 2017 n.2

Aggiornamenti

- Rif. SCA/16/18 (02) del 23.04.2018 pubblicato il 24.04.2018
- Rif. S/RES/2564 (2021) del 25.02.2021 pubblicato il 03.03.2021

 

Ai sensi della Legge 29 marzo 2019 n. 57, il Congresso di Stato, su proposta della Segreteria di Stato per gli Affari Esteri, dà attuazione senza ritardo, con delibera, alle suddette misure restrittive imposte dalle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

 

Il congelamento dei beni o fondi è efficace dalla data di adozione della delibera del Congresso di Stato; per quanto riguarda invece gli aggiornamenti alle liste delle Nazioni Unite, essi sono da intendersi come recepiti in automatico all’atto del loro ricevimento da parte del Dipartimento Affari Esteri e dell’Agenzia di Informazione Finanziaria, i due “focal points” che ricevono le relative comunicazioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite o di un suo competente Comitato.

 

L’Agenzia provvede a comunicare immediatamente al Tribunale, alle Forze di Polizia, alle Amministrazioni pubbliche che curano la tenuta dei pubblici registri e ai soggetti designati gli aggiornamenti delle liste delle Nazioni Unite e a trasmettere le delibere del Congresso di Stato.

 

E’ disponibile la Lista Consolidata, costantemente aggiornata dal Consiglio di Sicurezza, che raggruppa tutti gli elenchi di persone fisiche e giuridiche oggetto delle misure restrittive.

Lista nazionale

Nessun individuo o entità presente nella lista nazionale.